Treni, dal 10 dicembre nuovi orari e servizi potenziati

“I principali obiettivi che ci siamo prefissati nel 2018 sono: l’incremento dell’offerta di
treni per le aree e destinazioni dove la domanda, soprattutto di lavoratori e studenti, è
crescente; la razionalizzazione e l’integrazione modale nei fine settimana nei bacini in
cui la richiesta di servizi è meno consistente; l’implementazione dell’offerta per
favorire le attività del tempo libero”.
Annuncia così l’assessore ai trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti,
l’introduzione dei nuovi orari ferroviari che entreranno in vigore da domenica
prossima, 10 dicembre 2017.

de bertiAssessore Elisa De Berti
“Prosegue il proficuo rapporto di collaborazione non solo con la Direzione di
Trenitalia – sottolinea De Berti – ma anche con i comitati dei pendolari, i cui utili
suggerimenti rappresentano un apporto prezioso per cercare di migliorare
costantemente il sistema ferroviario del Veneto. Già l’anno scorso abbiamo fatto un
notevole salto di qualità, potenziando in particolare le linee ad uso dei pendolari e ora
puntiamo a consolidare i risultati conseguiti e a intervenire nei casi in cui si segnalano
ancora lacune e imperfezioni”.
Le novità più rilevanti sono le seguenti:
1) Linee Venezia-Padova e Venezia-Portogruaro
Istituzione al mattino dei giorni feriali, incluso il sabato, di un treno nella
cosiddetta fascia IPO (Interruzioni Programmate in Orario):
• sulla Venezia – Padova: collegamento dal lunedì al sabato negli attuali orari dei
festivi R 20822 e R 20841 Venezia – Verona e viceversa:
o R 20832 Venezia (10.05) – Padova (10.54);
o R 20831 Padova (12.05) – Venezia (12.55);
• sulla Venezia – Portogruaro: collegamento anche dal lunedì al sabato negli
attuali orari dei festivi R 20119 e R 20120:
o R 20119 Venezia (11.11) – Portogruaro (12.30);
o R 20120 Portogruaro (11.38) – Venezia (12.50).
2) integrazione abbonamenti Trenitalia-ACTV
Nel corso del 2018 sarà rilasciato un abbonamento che consentirà di viaggiare
nelle tratte urbane del Comune di Venezia indifferentemente sui mezzi
Trenitalia e ACTV. Inoltre, sarà possibile acquistare un unico abbonamento che
permetterà ai clienti di spostarsi in modo integrato tra le città di Mira, Mirano e
Dolo e le stazioni di Venezia S.L., Venezia Mestre e Padova. L’innovativo
titolo di viaggio sarà inizialmente acquistabile solo via App.
3) Linee Padova-Castelfranco-Treviso e Treviso-Montebelluna:
ottimizzazione dell’offerta nei giorni di sabato e festivi e integrazione con
MOM (Mobilità di Marca)
Nelle giornate di sabato e festivi sulla linea Padova-Castelfranco-Treviso è
prevista:
• una razionalizzazione dell’offerta cadenzata Padova- Castelfranco- Treviso
con la cancellazione dei servizi Padova-Castelfranco-Treviso per la loro
bassissima frequentazione; restano confermati i collegamenti mirati in orario
scolastico del sabato:
o R 5800/01 Padova (06.46) – Treviso (07.52);
o R 5870/01 Padova (12.46) – Treviso (13.52);
o R 5824/25 Padova (18.46) – Treviso (19.52);
o R 5832/33 Treviso (06.08) – Padova (07.14);
o R 5854/55 Treviso (07.08) – Padova (08.14);
o R 5840/41 Treviso (13.08) – Padova (14.14).
• nuova fermata di Campodarsego per tutti i treni Padova-Montebelluna e
viceversa e conseguente anticipo della partenza (al minuto 04 anziché 07),
dei treni Padova- Montebelluna e dell’arrivo dei treni Montebelluna-Padova
(al minuto 56 anziché 53), così da offrire un’alternativa ai suddetti servizi
della Padova-Castelfranco-Treviso cancellati.
Per quanto riguarda la Treviso-Montebelluna, l’offerta per le giornate di sabato
e festivi prevede:
• la cancellazione totale dei servizi con origine Treviso e destinazione
Montebelluna e viceversa, con frequentazioni inferiori ai 10 clienti (servizio
comunque garantito nella tratta dai treni Treviso-Belluno e viceversa);
• autosostituzione nella stessa tratta dei seguenti treni con frequentazioni
maggiori ai 10 passeggeri:

o sabato, treni 20601-20615-20623-20627;
o festivi, treni 20609-20617-20623-20644.
L’integrazione con MOM per le linee Padova-Castelfranco-Treviso e TrevisoMontebelluna
prevede l’istituzione di un abbonamento integrato mensile
emesso da MOM che permetterà di viaggiare su tutti i bus e i treni (in ogni caso
si mantiene l’abbonamento mensile Trenitalia). L’innovativo progetto prevede
anche l’individuazione di corse di linea MOM sulla Padova-CastelfrancoTreviso
in fasce orarie con minor offerta di trasporto ferroviario in cui saranno
ammessi viaggiatori con titolo Trenitalia.
4) Nuova relazione Schio-Venezia Mestre
Il servizio dell’attuale treno R5454 Schio (06.51)-Vicenza (07.38) dal lunedì al
venerdì sarà prolungato fino a Venezia Mestre con fermata intermedia a
Padova, per agevolare studenti e lavoratori diretti a Padova e Mestre. Il treno
effettuerà le fermate ordinarie tra Schio e Vicenza e la fermata di Padova, tra
Vicenza e Mestre, con i seguenti orari:
o R 20858 Schio (06.51), Marano (06.57), Thiene (07.03), Villaverla
(07.08), Dueville (07.13), Cavazzale (07.23), Anconetta (07.29),
Vicenza (07.38-07.48) e Padova (08.12); Venezia Mestre (08.30).
Il treno offre 150 posti a sedere e, oltre a offrire una relazione diretta tra l’alta
vicentina e l’area metropolitana, contribuirà a rendere meno affollato il treno
20813 in partenza da Vicenza alle 7.38.
5) Offerta Treno + Bici
VeronaTrenoBici: collegamento diretto Venezia – Mantova via Verona
o R 1764 Venezia-Mantova e R 1766 Mantova-Venezia: la periodicità
passerà da 27 giornate (sabato e festivi dal 02/07 al 10/09) a 36
giornate di circolazione (festivi dal 25/03 al 21/10);
TrenoBus delle Dolomiti: collegamento diretto Venezia – Calalzo
o come quest’anno, i treni R 1628 Venezia-Calalzo e R1629 CalalzoVenezia
circoleranno da giugno a settembre nei giorni di sabato e
festivi.
Treno+Bici: collegamento diretto Verona/Vicenza-Latisana e viceversa
o nei giorni festivi, dal 25 marzo al 21 ottobre, il nuovo treno
permetterà di raggiungere la ciclabile Latisana – Lignano che si
snoda costeggiando l’argine del fiume Tagliamento, fino a
raggiungere il mare. Il servizio sarà effettuato con ETR 360 a 302
posti e attrezzato con 24 posti bici. Il treno partirà da Verona alle
7.40 e fermerà a Verona P. Vescovo, S. Bonifacio, Vicenza, Padova,
Mestre, Quarto d’Altino, San Donà di Piave, San Stino e Portogruaro
con arrivo a Latisana alle 10.18. Al ritorno la partenza è prevista da
Latisana alle 17.22 con arrivo a Verona alle 20.10.
Ulteriori miglioramenti dell’offerta riguardano:
• il treno R 11009 di cui sarà aumentata la capacità: il Conegliano (07.01) –
Venezia (08.16) passerà da 5 carrozze Vivalto (558 posti) a 6 carrozze Vivalto
(720 posti);
• l’aumento della capacità dei treni Venezia-Bassano nei giorni festivi, per i
quali si registra una maggior affluenza: il servizio sarà effettuato con 2 Etr343
(412 posti), anziché con 1 Etr360 (302 posti);
• aumento dei posti sul treno 5662: per far fronte alla richiesta dei pendolari
sarà aumentata la capacità del treno Treviso (6.38) – Vicenza (7.46).


 

Rispondi