Medici di famiglia e Regione trovano un accordo: ritirato lo sciopero

Pace fatta. E’ stato raggiunto, al termine di un incontro durato circa due ore, l’accordo tra la Regione del Veneto e le organizzazioni sindacali rappresentanti dei medici di medicina generale, Fimmg, Smi, Snami e Intesa Sindacale. Per la Regione erano presenti alla trattativa l’Assessore alla Sanità Luca Coletto e il Direttore Generale Domenico Mantoan. L’intesa verrà sancita all’interno di un documento tecnico che conterrà i particolari di quanto concordato e verrà redatto e firmato entro la settimana. I sindacati dei camici bianchi hanno annunciato a Coletto e Mantoan la sospensione dello sciopero di tre giorni indetto per metà dicembre.

L’accordo si articola in più punti:

1) Il ripristino dell’indennità informatica ai medici di medicina generale per collaborare alla definitiva realizzazione e attivazione del fascicolo sanitario elettronico.

2) La costituzione di una Commissione regionale permanente, composta da tecnici della Regione e dei medici, per il monitoraggio, l’indirizzo e l’interpretazione delle normative riguardanti le case di riposo, le rsa, le strutture assistenziali intermedie e gli hospice che, entro il 31 gennaio 2018, dovrà proporre alla Giunta regionale eventuali integrazioni alle delibere attualmente in essere.

3) La costituzione di una Commissione mista che proponga eventuali integrazioni alla normativa regionale in essere sulle medicine di gruppo integrate.

4) La costituzione di una Commissione mista per condividere le modifiche da apportare alla dgr 751 sulle medicine di gruppo integrate, in particolare per definire sistemi di accreditamento per la fornitura di personale amministrativo e infermieristico.

5) L’indicazione, da parte della Regione alle Ullss, per il potenziamento delle medicine di gruppo e rete e la definizione di un cronoprogramma per l’attivazione delle medicine di gruppo secondo la programmazione regionale.


 

Rispondi