Le Acli provinciali di Vicenza al Centro civico di Giavenale (Schio) servono la solidarietà con il Cuamm

Acli e solidarietà sono da sempre un binomio vincente. Le Associazioni cristiane
lavoratori italiani, infatti, fin dalla costituzione sono impegnate sul versante della solidarietà e mirano a far arrivare la propria voce in particolare a chi ha più bisogno. In quest’ottica è stata pensata, alcuni anni fa, la collaborazione con Medici per l’Africa Cuamm, la prima Ong in campo sanitario riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Il legame Acli-Cuamm è del tutto particolare, in quanto il fondatore della Ong, Francesco Canova, medico e missionario italiano, precursore del volontariato internazionale, era originario di Schio. “Il Cuamm rappresenta a tutti gli effetti un’eccellenza del nostro territorio – spiega il presidente provinciale delle Acli
di Vicenza, Carlo Cavedon – per questo abbiamo intrapreso un percorso di informazione rispetto alle numerose attività che la Ong padovana ha in cantiere e per i risultati che ogni anno realizza. Attraverso i Circoli Acli della provincia di Vicenza e la rete di sedi del territorio viene lanciato un messaggio di solidarietà condiviso con il Cuamm e nel quale le Acli credono fermamente”. In quest’ottica, le Acli provinciali di Vicenza, in collaborazione con il Cuamm, hanno organizzato per sabato 20 gennaio alle 19 al Centro civico di Giavenale (Schio) in via Sorelle Boschetti 72 una “Cena di solidarietà”. Durante la serata verrà proposta la testimonianza di don Dante Carraro, direttore del Cuamm. Ricordiamo che sono due gli obiettivi principali della Ong padovana: migliorare lo stato di salute in Africa, nella convinzione che la salute non è un bene di consumo, ma un diritto umano universale per cui l’accesso ai servizi sanitari non può essere un
privilegio e promuovere un atteggiamento positivo e solidale nei confronti dell’Africa, ovvero il dovere di contribuire a far crescere nelle istituzioni e nell’opinione pubblica interesse, speranza e impegno per il futuro del continente. “Nel 2017 sono stati oltre 300 gli eventi organizzati dai nostri 2500 volontari attivi in tutta Italia. Un supporto prezioso – conclude il direttore di Medici per l’Africa Cuamm, don Dante Carraro – che ci permette di sensibilizzare e coinvolgere sempre di più e sempre meglio le nostre comunità ed i nostri territori. È per tutte le mamme e i bambini dell’ultimo miglio che, insieme, ci spendiamo ogni giorno con passione e dedizione. Siamo convinti che sulle donne e sui bambini si costruisca il futuro di ogni comunità, non solo in Africa”. Per informazioni e prenotazioni per la “Cena di solidarietà”: vicenza@acli.it è 0444.870700.


 

Rispondi