La scena operatoria: dolore e aspettative di vita dall’Ancien Régime a Gallucci

di Nelli Elena Vanzan Marchini*

Nel Quattrocento se un chirurgo doveva eseguire una amputazione e non aveva con sé i suoi attrezzi, si faceva prestare da un falegname seghe e scalpelli.   La chirurgia era strettamente  apparentata all’arte dei barbieri che per il proprio ordinamento (Capitolare del 1270)  tagliavano  barbe e capelli, praticavano i salassi, prescritti abitualmente dai medici per purificare il corpo dalle malattie, e curavano “bruschi e sgrafadure”. I barbieri-chirurghi  curavano i feriti sui campi di battaglia e si imbarcavano per assistere gli equipaggi delle navi da guerra.

Per questa sua funzione pratica la chirurgia  restò a lungo relegata ad esercizio di una bassa e cruenta manualità posta in  ruolo subalterno rispetto alla più nobile e teorica professione dei medici-fisici che prescrivevano diete e salassi, purghe e clisteri indicando regimi sanitari ed esprimendosi per aforismi. In occasione della grande peste del 1348 e delle frequenti ondate epidemiche che colpirono l’Occidente, a differenza dei medici-fisici che rifuggivano ogni contatto con i contagiati coprendosi con lunghi abiti e maschere dal lungo becco in cui collocavano erbe aromatiche per contrastare i miasmi, i chirurghi  intervenivano  per incidere e cauterizzare i bubboni e molti vennero isolati nella case e nelle zone infette della città. Le loro cure erano inefficaci e dolorose ed essi stessi, dato il rapporto diretto che avevano con i malati, potevano divenire veicolo delle pulci pestigene e pestifere.

Un’altra malattia, forse portata dall’America dai marinai di Cristoforo Colombo o forse endemica e sopita per lungo tempo nel vecchio continente,  si diffuse con virulenza in tutta Europa. A scatenarla fu la spedizione di Carlo VIII di Valois in Italia nel 1494 per rivendicare il Regno di Napoli occupato dagli spagnoli. Gli spostamenti di truppe con le loro meretrici al seguito, la promiscua convivenza di soldatesche e popolazioni affamate per i  saccheggi, il dilagare di miseria e prostituzione diffusero il male venereo nel corpo a corpo sui campi di battaglia come pure nei rapporti mercenari.  Al rientro in patria i soldati portarono alle loro spose la sifilide che dilagò in tutta Europa e venne chiamata morbo gallico, mal di Napoli, celtico, mal dei Portoghesi, mal dei Cristiani… Tutti lo attribuirono al paese vicino,  per  la sua origine “spurzissima” manifestata dal  sifiloma primario cioè da un’ulcera vicino agli organi sessuali. La malattia ciclica e a lungo decorso scompariva per manifestarsi  con varie affezioni cutanee e articolari e nell’ultima fase, dopo anni, con escrescenze tumorali dette “gomme” variamente localizzate. Anche queste manifestazioni ricadevano nella competenza dei chirurghi che le incidevano e le cauterizzavano, con grande sofferenza dei malati e con risultati infausti. La preparazione dei chirurghi era demandata al diploma in uno studio generale e alla licenza del loro Collegio che, in seguito alle pestilenze restava spesso vuoto consentendo ai medici-fisici di appropriarsi delle cariche vacanti.  Ne derivavano lotte di potere con una costante rivalità tra le due professioni. Li univa l’obbligo di esercitare l’anatomia per l’aggiornamento professionale una volta l’anno nei mesi invernali. Così aveva stabilito  il Maggior Consiglio  (27 maggio 1368)  sancendo  la perdita dello stipendio dei  salariati e la sospensione per 2 anni dei liberi  professionisti per quanti non seguissero tali ostensioni, eseguite per lo più sui corpi  di condannati. La lezione si svolgeva a due livelli : in quello alto, sulla cattedra, il medico-fisico leggeva i sacri testi della medicina classica, nella parte inferiore  il barbierotto/ basso chirurgo operava come “sector”,  cercando  fra  le viscere e il sangue conferma alle  teorie.

Con Andrea Vesalio la medicina  guadagnò, attraverso la pratica anatomica, il rapporto diretto con il cadavere per scoprire nella morte  i segreti della vita, il corpo divenne allora protagonista dei testi scientifici con l’aiuto del naturalismo pittorico. Veri e propri teatri lignei venivano montati all’interno dell’Università di Padova per mettere in scena l’anatomia operata direttamente dal medico non per trovare conferme ma per svelare conoscenza. Anche  i testi chirurgici cominciarono a ritrarre  con crescente attenzione e con sempre maggiore realismo le scene operatorie negli ambiti domestici. Giovanni Andrea dalla Croce nella sua Chirurgia Universale (1574) dedicò un intero capitolo ai ferri del mestiere, dalle seghe ai trapani con meccanismi e funzioni da lui inventati.

DSCN9918

Nei seicenteschi “armamentari” di  Pierre Dionis e di Johannes Scultetus (foto3) i ferri chirurgici si compongono in set nobilitati dalla curiosità per l’esercizio della chirurgia.  Nel Jardin Royale si pagava il biglietto per assistere alle anatomie e alle operazioni del chirurgo del re.

 Con il secolo dei lumi le strategie operatorie divennero protagoniste di testi specialistici che ritrassero anche  la strumentazione  fin nei piccoli particolari a grandezza naturale perché potesse essere fedelmente riprodotta. Alcuni maestri coltellinai come  Jean J. Perret  a Parigi assistevano alle operazioni  per soddisfare le esigenze tecniche della chirurgia in ascesa. La crisi  della medicina teorica e l’entusiasmo illuministico per le tecnologie avevano creato l’humus adatto alla rivalutazione della chirurgia divenuta un’arte, ma le aspettative di vita rimanevano scarse.

Molti, come il filosofo D’Alembert sofferente di calcolosi,  preferivano morire piuttosto che farsi operare.  Le scene operatorie  ritratte nelle “Istituzioni chirurgiche” da  Lorenz Heister  indicano le posizioni consigliate ai nerboruti assistenti per immobilizzare il paziente e consentire al chirurgo di operare rapidamente fra urla e fremiti,  con le  mani nude,  le maniche rimboccate di abiti quotidiani.

DSCN9929 (1)

Nel secolo seguente compaiono dei grembiuloni bianchi per riparare dagli schizzi di sangue un abbigliamento consueto, mentre la strumentazione con eleganti manici in tartaruga e osso, era collocata  in eleganti valigette in legno foderate di velluto. Il tutto con scarsissima igiene.

Quando Giovan Battista Morgagni  indusse a cercare nei cadaveri dei malati  le lesioni d’organo provocate dai morbi,  favorì la pratica sistematica dell’anatomia patologica negli ospedali. Il passaggio delle mani del chirurgo da un paziente morto ad uno vivo o  ad una partoriente moltiplicarono i decessi per infezione e per febbre puerperale.  Fra il 1847 e il 1849  l’ungherese Ignazio Semmelweis dimostrò tale nesso nella clinica ostetrica di Vienna dove le puerpere seguite dai medici avevano una mortalità molto più elevata rispetto al reparto seguito dalle levatrici.  Egli introdusse  l’asepsi con l’uso di cloruro di calce. I risultati furono straordinari. Abbatté  in tre anni la mortalità dall’11% all’1 %  ma venne fieramente ostacolato dalla classe medica. I suoi colleghi non accettavano di poter essere veicolo di infezione e morte. L’ospedale non intendeva cambiare le lenzuola e i medici non volevano soggiacere ai frequenti lavaggi delle mani.  Cacciato da Vienna Semmelweis  si trasferì all’ospedale di San Rocco a Pest dove fu ostacolato. Colto da depressione e ricoverato in manicomio vi morì per percosse a 47 anni, era il 1865.  In quello stesso anno, oltre manica, a Glasgow Joseph Lister per abbattere l’elevata mortalità operatoria  utilizzò l’acido fenico in soluzione per disinfettare le sue mani, la pelle del paziente, gli strumenti, ogni cosa del campo operatorio, aria compresa. Aveva inventato la pratica antisettica.

DSCN2498

Intanto l’impiego dell’etere  (1846) e del cloroformio (1849) stava rivoluzionando la regia operatoria: l’immobilizzazione forzata del  paziente, il ritmo concitato dell’intervento, le urla di dolore, gli ordini gridati dal chirurgo che agiva contro il dolore e contro il tempo, furono sostituiti dalla calma e dal silenzio.  Asepsi  e antisepsi ridisegnarono l’arredamento della sala e  l’abbigliamento dei protagonisti: furono indossati  camici, maschere, guanti, cuffie, camicioni e calze, comparvero  macchinari per la sterilizzazione, si moltiplicarono gli spazi e i tempi per la  preparazione del malato, per l’intervento e per  l’immediato  postoperatorio.  Tali trasformazioni resero  possibile il controllo della mortalità e il rapido progresso scientifico della chirurgia.

DSCN2538

Nell’ottocento i collegi  medico-fisico e chirurgico vennero sciolti e  anche la laurea divenne unica  in medicina e chirurgia mentre si moltiplicavano le specializzazioni. La rimozione del dolore dalla scena operatoria e l’abbattimento dei rischi derivanti dalle infezioni delegavano alla abilità del chirurgo il successo dell’intervento sulla assente presenza del malato.  L’esito delle operazioni  venne agevolato dallo sviluppo tecnologico. Ai maestri coltellinai si sostituirono le industrie di tecnologie medico-chirurgiche e la tecnica operatoria  intraprese la grande avventura dei trapianti in primis  del trapianto del cuore.
Una mattina di dicembre del 1967, quando al “Groote Schuur” Hospital di Città del Capo Christian Barnard  (1922-2001)  sostituì il cuore di un uomo (affetto da una grave forma di cardiomiopatia), con quello di una giovane di 24 anni deceduta per  un incidente stradale.
In poche ore, le condizioni cardiache e generali del paziente migliorarono, dopo 18 giorni dall’intervento morì per una polmonite. La strada era tracciata me restavano le obiezioni etiche e le incognite del rigetto. La scena operatoria si moltiplicò, si dovettero mettere in sistema più ospedali ed équipe per una chirurgia basata sulla sinergia e sul coordinamento di più esperti in più ospedali.

 DSCN2555

Il primo trapianto in Italia  venne  felicemente eseguito  a Padova da Vincenzo Maria Gallucci         (1935-1991) nella notte fra il 13 e il 14 novembre 1985.  Il successo fu garantito dalla geometrica precisione con cui furono eseguite tutte le fasi dell’espianto  a Treviso dove si trovava il donatore, un ragazzo morto in motorino,  e Padova dove si trovava il ricevente, Ilario Lazzari che poté continuare a vivere. Da allora migliaia di pazienti sono stati trapiantati con eccellenti risultati e con una sopravvivenza fino a 10 anni per oltre il 70% di essi.


WIN_20180303_15_17_26_Pro* Storica – Docente Universitaria

 

Rispondi