Vinitaly Directory, l’evoluzione 4.0 del catalogo online che parla anche cinese

 Più di 14.300 vini a portata di click, presentati in italiano, inglese e cinese da 4.349
cantine da 35 nazioni. Sono i numeri in continuo aggiornamento di Vinitaly Directory, l’evoluzione 4.0 del tradizionale catalogo online che ha debuttato quest’anno per la 52ª edizione di Vinitaly, il salone internazionale sui vini e distillati in programma alla Fiera di Verona dal 15 al 18 aprile. Un portale che è guida per il business e diventa strumento web di promozione permanente per tutte le aziende di Vinitaly. Ogni espositore ha a disposizione uno spazio digitale dove caricare schede delle proprie etichette, insieme ad una serie di dati sull’impresa, come produzione annua, ettari vitati, fatturato, quota export, mercati presidiati e aree in cui vorrebbe esportare in futuro. Una miniera di informazioni per i buyer del settore che possono entrare in contatto con gli espositori di Vinitaly e fissare in anticipo un calendario di appuntamenti mirati in fiera.
Grazie al sistema automatico di traduzione in cinese e inglese, Vinitaly Directory fa scoprire agli operatori esteri l’enorme varietà della produzione vitivinicola Doc, Docg e Igt italiana. L’indicizzazione, poi, consente una ricerca per aree di produzione (nazione e regione), denominazione, categoria (vini tranquilli, spumanti, frizzante e aromatizzato), indicazione (biologico, biodinamico e Kosher) e fascia di prezzo.
“Vinitaly Directory fa parte del nostro progetto di digital transformation, punto strategico del piano industriale della Fiera al 2020 – spiega Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere –. L’obiettivo è il pieno utilizzo dell’intelligenza digitale finalizzata al business, per aumentare le occasioni di contatto tra le cantine nostre clienti e buyer da tutto il mondo. Si tratta di uno strumento che stiamo continuamente affinando e con cui puntiamo a coinvolgere in modo diretto i nostri espositori, grazie alla possibilità di promuovere eventi e degustazioni organizzati durante Vinitaly ma anche nel resto dell’anno, inserire video e condividerli sui social”.

Sul portale sono segnalate inoltre la possibilità di prenotare degustazioni in azienda, l’eventuale disponibilità di strutture ricettive collegate, così come le lingue parlate nella cantina. Il tutto per fornire un servizio di promozione innovativo che garantisce visibilità continua sul sito web di Vinitaly, consultato nel 2017 da oltre 790mila utenti da 195 nazioni, per un totale di quasi 5 milioni di pagine visualizzate.

Rispondi