“Transumanza diventi patrimonio Unesco”: Zaia appoggia la proposta dei sindaci

“La transumanza è simbolo di storia, cultura, identità del popolo veneto e dei veneti della montagna. Per questo la richiesta di dieci Comuni del vicentino ha tutta la mia condivisione. Questa antica tradizione ha tutte le caratteristiche per diventare Patrimonio dell’Umanità Unesco, affiancandosi a molte altre realtà del territorio, che fanno del Veneto una vera e propria Regione-Unesco, a testimonianza delle ricchezze materiali, immateriali e ambientali  di una terra straordinaria come la nostra”.

Lo sottolinea il Presidente del Veneto, assicurando “tutto l’appoggio della Regione alla richiesta avanzata dai Sindaci di Bressanvido, Pozzoleone, Schiavon, Marostica, Lusiana, Conco, Asiago, Gallio, Foza ed Enego (tutti della provincia di Vicenza) di inserire il Veneto nella candidatura Unesco a “patrimonio culturale immateriale dell’Umanità con l’antica transumanza di Bressanvido, che ancora oggi si svolge lungo 90 chilometri tra la località di Marcesina sull’Altopiano di Asiago a Bressanvido.

FOTO TRANSUMANZA

Oggi i protagonisti dell’iniziativa hanno simbolicamente “depositato” in Regione, nelle mani dell’Assessore all’Agricoltura e del Presidente della Commissione Affari Istituzionali del Consiglio regionale la documentazione iniziale, con le delibere dei rispettivi organismi istituzionali. “Questi bravi Sindaci – aggiunge il Governatore – sappiano che la Regione è al loro fianco, pronta ad accompagnare la loro proposta attraverso un cammino che sappiamo essere non semplice, ma che abbiamo già sperimentato con successo in più occasioni”.

“Siamo oggi – ricorda il Presidente del Veneto – tra le Regioni d’Italia maggiormente rappresentate nella lista del Patrimonio Mondiale Unesco, dove già spiccano Venezia e la sua Laguna, l’Orto Botanico di Padova, la città di Vicenza e le Ville Palladiane del Veneto, la Città di Verona, i Siti Palafitticoli Preistorici dell’arco alpino, le Opere di Difesa Veneziane tra il XV e il XVII Secolo, le Dolomiti.  Nell’elenco delle candidature in corso, poi, abbiamo altri due gioielli come le Colline del Prosecco e Padova Urbs Picta Giotto, la Cappella degli Scrovegni e i cicli pittorici del XIV Secolo”.

“Nomi – conclude il Governatore – che parlano da soli e testimoniano del Veneto come una straordinaria terra di storia, cultura, arte, bellezza, natura, tradizioni. Il Veneto dell’Unesco”.


 

Rispondi