Confturismo veneto: “Aumenti delle bollette, una batosta in piena stagione che peserà su imprese e ferie”

Luce e gas: dopodomani arriva la stangata. Una batosta che in piena stagione estiva si abbatte anche sulle imprese del turismo, che avevano già definito i propri listini sulla base dei costi delle utenze precedentemente in vigore.

“Non ho ancora capito perché quando il prezzo del petrolio aumenta il costo finale schizzi alle stelle, mentre quando diminuisce non succeda nulla. E’ il mercato all’Italiana – dichiara il presidente di Confturismo Veneto Marco Michielli – Un mercato in cui Iva e accise incidono, ad esempio sul prezzo della benzina, per il 64%, su quello del gasolio per il 60% e sul Gpl per il 41%”.

“I rincari di luce e gas del 1° luglio seguono di soli 6 mesi quelli scattati il 1° gennaio di quest’anno, e costituiscono un ulteriore aggravio per le imprese – che vedranno inevitabilmente scendere i propri margini di utile – e per le famiglie, che proprio in questo periodo stanno programmando le vacanze estive, e che dovranno fare i conti con un potere d’acquisto decisamente ridotto”, conclude Michielli.


marco michielli 1 (4)Marco Michielli

Rispondi