Prorogato al 1 gennaio 2019 l’obbligo della patente nautica. “Salva la stagione estiva anche in Veneto” commentano i deputati Fogliani e Vallotto

di Lucio Leonardelli*

“Dopo aver riunito in un apposito tavolo tecnico al Mit le associazioni della nautica da diporto, la Lega navale e le Capitanerie di porto è emersa la necessità di prorogare al 1 gennaio 2019 l’entrata in vigore dell’obbligo della patente nautica per i motori marini a cilindrata superiore a 750 cc a iniezione a 2 tempi (40 cavalli) per dare omogeneità normativa al settore della locazione dei natanti e tutelare le migliaia di proprietari”.

Lo ha dichiarato il sottosegretario ai trasporti e Infrastrutture Edoardo Rixi in merito alla proroga, inserita nel decreto legge 25 luglio 2018 n.91, dei termini sull’obbligatorietà della patente nautica per la conduzione di unità a motore. “Con la norma entrata in vigore a febbraio, infatti, oltre 200 imprese del settore, che avevano acquistato piccole imbarcazioni con questa tipologia di motori marini, non avrebbero potuto svolgere la propria attività, nella stagione estiva, con grave danno all’occupazione e all’indotto– ha spiegato ancora Rixi -.

Con la proroga al 1 gennaio 2019 dei termini di legge, diamo la possibilità a tutti i locatori di potersi mettere in regola, con la massima attenzione a tutti gli aspetti collegati alla sicurezza a bordo e in mare, sanando così un vulnus normativo che avrebbe penalizzato un numero cospicuo di imprese che fanno turismo sulle nostre coste e circa 8.000 proprietari”.

“Il settore della nautica – ha continuato il sottosegretario Rixi – è strategico per il nostro turismo. Dopo l’estate, intendiamo iniziare a lavorare con tutti i soggetti del comparto per arrivare all’elaborazione di un ‘pacchetto mare’ per essere pronti ad affrontare la prossima stagione estiva, valorizzando le potenzialità del comparto, con l’attenzione massima su ambiente e sicurezza”.

“Non possiamo che ritenerci soddisfatti per questa proroga che offre una boccata d’aria al turismo e alla nautica veneta”. Così i deputati leghisti del veneziano Ketty Fogliani e Sergio Vallotto commentano quanto deciso oggi dal sottosegretario Edoardo Rixi al termine del tavolo tecnico presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

“Dopo aver recepito le esigenze degli operatori del settore e dei proprietari di imbarcazioni del nostro territorio, ci siamo fatti promotori delle loro istanze cercando di tutelare non solo le imprese che fanno turismo nelle nostre spiagge ma tutti i proprietari (dai privati alle realtà associative veneziane) che, non essendo ancora in regola, avrebbero incorso in sanzioni importanti.

Il comparto nautico di questo tipo – aggiungono i due parlamentari della Lega – rappresenta per la nostra regione un indotto economico considerevole sia in termini occupazionali che di sviluppo stagionale ed è per questo che la proroga al 1 gennaio 2019 dei termini di legge va ad aiutare sensibilmente il turismo del nostro Veneto.

L’incontro ha evidenziato da più parti la necessità di prorogare l’entrata in vigore dell’obbligo della patente nautica per i motori marini a cilindrata superiore a 750 cavalli a iniezione a 2 tempi (40 cavalli) per dare omogeneità normativa al settore della locazione dei natanti e tutelare le migliaia di proprietari.

Ringraziamo quindi il Ministro ed il sottosegretario per l’attenzione posta a questa problematica sollevata in Commissione già la settimana scorsa. Il tavolo tecnico – concludono Fogliani e Vallotto – ha permesso di arrivare ad una soluzione per il momento soddisfacente, e che apre di sicuro le porte ad un dialogo costruttivo al fine di elaborare un futuro progetto nautico a tutela delle aziende di locazione natanti e non solo”.


IMG-20180515-WA0026*Giornalista

Rispondi