Cordoglio in FVG per la scomparsa di Piepaolo Ferrante, direttore di Esof 2020

(LL) – Il direttore esecutivo di Esof 2020 (EuroScience Open Forum) Pierpaolo Ferrante, è morto all’ospedale di Cattinara di Trieste. Ingegnere di professione, Ferrante, a 63 anni, aveva avuto un malore improvviso una decina di giorni fa ed era stato ricoverato a Cattinara nel reparto cardiologico.

Ferrante è stato uno dei promotori della candidatura di Trieste al titolo di capitale scientifica europea. Lo scorso 14 luglio aveva partecipato alla cerimonia di chiusura di Esof2018 a Tolosa e, assieme alla squadra di autorità e organizzatori, aveva dato il via ufficiale alla corsa di Trieste verso l’obiettivo. Nei primi anni 2000 Ferrante è stato anche tra gli autori della candidatura di Trieste all’Expo.

“Ferrante ha sempre pensato in grande e all’avanguardia per promuovere il meglio della regione, portando nel nostro territorio iniziative importantissime nella convinzione profonda che solo guardando allo sviluppo, alla scienza e alla cultura si poteva dare prospettive al Friuli Venezia Giulia”.

Cosi lo ha ricordato oggi il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga esprimendo il cordoglio ai familiari

“In questo momento prevale un sentimento di perdita, di tristezza, ma sono certo – ha aggiunto Fedriga – che il migliore tributo alla sua figura sia alimentare la speranza e perseguire concretamente l’obiettivo di far proseguire al meglio tutto ciò che lui ha avviato”, ha aggiunto il governatore.

Riferendosi a Esof 2020, Fedriga ha ribadito che “metteremo ancora più impegno per onorare tutto il lavoro che Ferrante ha profuso e sono convinto che saremo in grado di rendere grande questa iniziativa anche in suo nome”.

Ingegnere, docente a contratto alla Facoltà di Architettura dell’Università di Trieste, Ferrante è stato, tra gli altri incarichi, presidente dell’Ezit-Ente per la zona industriale di Trieste dal 2001 al 2006, componente del Comitato tecnico regionale per la pianificazione territoriale, tutela del paesaggio e delle bellezze naturali e, dal 1995 al 2015, componente del Comitato tecnico regionale per i grandi rischi.

“Coraggioso e lungimirante nel pensare alla Trieste di domani“, lo definisce l’assessore regionale alla Ricerca e Università Alessia Rosolen che, assieme al governatore Fedriga, aveva condiviso con Ferrante lo scorso 14 luglio a Tolosa l’emozione di dare l’avvio ufficiale alla corsa di Trieste per il 2020.

“L’auspicio è che la classe dirigente non gli renda omaggio solo con belle parole ma onori il suo ricordo portando a termine, nel migliore dei modi, il lavoro che lui ha iniziato”, ha commentato Rosolen.


 

Rispondi