Intensificati i controlli al confine della Slovenia

(L.L.)”Il cambio di passo del Governo nazionale è evidente anche per quanto riguarda la sicurezza del territorio e l’ennesima conferma giunge dall’ulteriore rafforzamento, che fa seguito all’azione già avviata lo scorso mese, dei controlli lungo la fascia confinaria tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia, in particolare nella provincia di Trieste”.

Lo affermano il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e l’assessore a Immigrazione e Sicurezza, Pierpaolo Roberti, commentando “molto positivamente il rapido recepimento dell’allarme lanciato solo pochi giorni fa dalla Regione in relazione ad un intensificarsi di attività migratoria clandestina sul nostro territorio”.

 

Da domani mattina, infatti, saranno ulteriormente rinforzati nell’area di confine a Trieste i controlli lungo la fascia confinaria con la Slovenia, attualmente effettuati nella zona di retrovalico di concerto tra la Questura e il Settore Polizia di Frontiera, col supporto delle specialità della Polizia Stradale e Ferroviaria, come stabilito un un’apposita riunione svoltasi la Prefettura.
Nell’attività saranno coinvolti anche gli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Padova, che si avvalgono di moderne tecnologie per monitorare il transito di mezzi e persone a ridosso della fascia confinaria, attraverso una lettura automatica delle targhe e più rapidi controlli nelle banche dati del Ministero dell’Interno.

Parteciperanno ai controlli anche gli operatori del Reparto Mobile di Padova.
“Questa regione – sottolineano Fedriga e Roberti – non è una porta aperta per gli immigrati irregolari e noi siamo determinati a lavorare in perfetta sinergia con il ministero dell’Interno affinché si giunga al blocco degli arrivi e all’eliminazione dell’accoglienza diffusa”.

“Siamo consapevoli che ci vorrà del tempo – concludono governatore e assessore all’Immigrazione – ma siamo abituati a risolvere i problemi con l’azione e, da questo punto di vista, proseguiremo nella direzione tracciata senza alcun condizionamento”.


 

Rispondi