Oltre 3 milioni e mezzo di euro per i risparmiatori truffati delle Cooperative Carniche e Operaie

(LL) – “Questa manovra persegue l’obiettivo di creare reali e concrete prospettive di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia attraverso un deciso cambio di passo rispetto al passato”.
Così l’assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli in sede di Consiglio regionale ha illustrato e linee essenziali della legge di stabilità del Fvg, replicando nello stesso tempo  agli interventi dei consiglieri di minoranza.

Come ha spiegato dalla stessa Zilli, “la predisposizione del documento di programmazione finanziaria è stata contrassegnata da una disponibilità al dialogo e al confronto con le rappresentanze dei corpi sociali, le associazioni di categoria e i sindacati.”

Da qui la scelta che ha determinato un ritorno agli investimenti in quanto “la nostra Regione – ha proseguito  –  è stata storicamente amministrata in modo virtuoso e quindi ha le risorse e i mezzi per poter creare i presupposti finalizzati al rilancio dell’economia e del lavoro”.

L’assessore ha anche chiarito che questa scelta è stata adottata parallelamente, senza alcuna controindicazione, a quello che è il percorso in atto di confronto con lo Stato per la rinegoziazione del patto finanziario.

Per quel riguarda i contenuti Zilli ha sottolineato le priorità del piano di investimenti (319 milioni di euro nel prossimo triennio) a partire dalla sanità dove “in passato c’è stata una mancanza di visione per il futuro”.

Nell’ambito delle autonomie, la novità della regia unica per le risorse destinate agli enti locali è vista come un punto di svolta che “favorirà un gioco di squadra all’interno della Giunta, grazie al quale si produrranno scelte di sistema coerenti con una programmazione che eviti doppioni e spese improduttive sui territori”.

Dopo aver ricordato, sulla scorta dei danni provocati dal maltempo di fine ottobre, i 65 milioni di euro destinati alla Protezione civile Fvg, l’assessore riferendosi agli investimenti per la montagna ha parlato di “una parte valoriale della nostra regione a vantaggio della quale abbiamo cercato di fornire degli strumenti (riduzione ed esenzione dell’Irap) affinché chi vi abita continui a viverci”.

Zilli ha poi messo l’accento su due punti cardine del piano degli investimenti: sviluppo economico e famiglia. Nel primo caso sono stati elencati i provvedimenti previsti a favore delle imprese che vanno dall’iniziativa sul credito d’imposta, agli incentivi per le assunzioni di persone che hanno perso il lavoro a seguito di crisi aziendali, oltre all’Irap azzerata per le nuove aziende e i professionisti.

“Per la famiglia – ha detto l’assessore – la decisione di stanziare 14 milioni di euro finalizzati all’abbattimento della retta degli asili nido ai secondogeniti rappresenta un segnale forte, che va nella direzione di favorire la conciliazione tra tempi lavorativi e familiari e che non a caso sta avendo una ribalta nazionale”.

Infine, Zilli ha messo l’accento sui 3 milioni e mezzo di euro per i risparmiatori truffati delle Coop Operaie e Carniche. “Un gesto concreto – ha concluso – in linea con il programma di governo”.


 

Rispondi