Lutto per Confturismo veneto, è morto il direttore Nicola Sartorello

Nicola Sartorello, storico direttore di Federalberghi Veneto, è morto improvvisamente questa mattina nella sua casa di Mestre. Da oltre 30 anni ai vertici della Federazione regionale delle imprese alberghiere, ricopriva anche il ruolo di coordinatore di Confturismo Veneto, ed è stato consigliere di amministrazione del Ciset-Ca’Foscari e membro del consiglio d’indirizzo dell’Its Turismo Academy. Incarichi che aveva assunto grazie a una profonda conoscenza delle materie economico-legislative che regolano il settore turistico, conquistando la stima e la fiducia dei presidenti succedutisi alla guida della Confederazione, così come delle persone e delle istituzioni che hanno lavorato con lui.

L’amore per la cultura e la serietà nel lavoro, unite a una precisione meticolosa erano le sue doti più spiccate e ne facevano un professionista di grande livello. Non si è mai risparmiato, dedicando al lavoro anima e corpo, andando oltre gli orari quando in ballo c’era un tavolo istituzionale al quale partecipare, degli studenti da formare, un progetto da mettere in piedi. Bisognava arrivare preparati, non c’era alternativa.

Un diploma al liceo Classico Franchetti di Mestre e una laurea in Scienze Politiche, lascia la moglie Alessandra, funzionaria di Confcommercio Veneto, alla quale era teneramente legato da moltissimi anni, e con la quale condivideva vita, passioni e lavoro.

“Senza di lui Federalberghi non sarà più la stessa – commenta il presidente regionale di Confturismo Veneto Marco Michielli – Ricordo di lui la profonda conoscenza dei temi che affrontavamo insieme, lo spessore culturale a la serietà personale. Eravamo come un equipaggio di bob a due: così diversi, ma sempre uniti per il raggiungimento del traguardo. Le telefonate che ricevo da tutto il Veneto stanno a testimoniare l’affetto e la stima dei colleghi. Sentiremo la sua mancanza”.


 

Rispondi