Header Ad

Most Viewed

Il Comandante Generale dell’Arma al ricordo del 75° anniversario della morte dei 12 carabinieri uccisi a Malga Bala

(LL) – “Su questo tragico evento avvenuto nel nostro confine orientale durante la Seconda guerra mondiale è giusto che la ricerca storica continui il suo corso per contribuire a trasmettere alle nuove generazioni il monito contro ogni conflitto foriero di vittime, distruzione e morte”.

Lo ha affermato l’assessore regionale del Fvg Barbara Zilli a margine della commemorazione ufficiale organizzata dall’Arma e dal Comune di Tarvisio per il 75. anniversario della morte dei 12 carabinieri uccisi il 25 marzo del 1944 nei pressi dell’altopiano di Malga Bala. Inquadrati dal 1943 nella 62ª Legione Isonzo della Guardia Nazionale Repubblicana della Repubblica Sociale Italiana e di stanza al presidio di difesa della centrale idroelettrica di Bretto agli ordini del vice brigadiere Dino Perpignano, i militi uccisi sono stati decorati nel 2009 con la medaglia d’oro al merito civile.
La cerimonia, avvenuta alla presenza del Comandante generale dei Carabinieri, Giovanni Nistri,è cominciata con una messa nella chiesa Santi Pietro e Paolo al termine della quale è stata deposta una corona d’alloro nel Tempio ossario, adiacente la chiesa, che custodisce i resti di sette delle dodici vittime.

 

Nistri ha quindi ricordato i valori di coraggio, umanità e abnegazione, incarnati, oggi come allora, dall’impegno quotidiano dei Carabinieri. I 12 militari, in servizio al distaccamento fisso a protezione della centrale idroelettrica di Bretto di Sotto (località oggi al confine tra Italia e Slovenia) furono catturati la sera del 23 marzo 1944 da alcuni partigiani slavi e successivamente torturati e uccisi.
“Importante – ha aggiunto l’assessore Zilli – è rendere partecipi di questa pagina di storia soprattutto i giovani e il ruolo delle istituzioni, sostenendo la ricerca della verità e favorendo l’attività degli studiosi che, con il loro lavoro, cercano di fare luce tra gli episodi più bui del nostro passato”.

 

 

 

 

 

 

 

    Lascia il tuo commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.*