Header Ad

Most Viewed

Confturismo Veneto: “Bandiere blu, classifica ingannevole”

“Bandiere blu, classifica ingannevole”. A dirlo è il presidente di Confturismo Veneto Marco Michielli, che ribadisce il proprio disappunto dopo che sulla stampa è comparsa la graduatoria delle regioni con più vessilli.

Otto sono le bandiere blu assegnate al Veneto, contro le 30 della Liguria, che si pone così in testa a una classifica basata unicamente sul numero di bandiere assegnate. “Se questo è il criterio, quante dovrebbe averne la Grecia? Un numero sterminato: in una ipotetica classifica europea, con le sue 2.200 isole e decine di spiaggette per isola sarebbe imbattibile”,  sbotta Michielli.

Foto MIchielli 2 363 k (2)

Confturismo Veneto, insomma, reputa quantomeno parziale la lettura dei dati  della Foundation for Environmental Education (Fee) fornita dai media.

“Il metodo del Fee è quello di assegnare una bandiera per ogni spiaggia, quindi  le regioni con molte piccole località ne ottengono banalmente di più – spiega Michielli – ma questo non rappresenta affatto una classifica di maggior o minore qualità ambientale, e rilevo capziosità nello stilare le graduatorie regionali sulla base del numero dei riconoscimenti assegnati. Così si induce infatti il lettore a una impropria classifica in cui si sottende una miglior qualità complessiva nelle regioni con il maggior numero di bandiere blu riconosciute”.

“Il Veneto vede confermate tutte le sue 8 bandiere blu nelle 8 località che rappresentano la totalità dell’offerta turistica balneare della regione – conclude il presidente di Confturismo Veneto – Si consideri che con meno di dieci località, il nostro litorale realizza la bellezza di 26 milioni di presenze (25.841.384, per la precisione) e con questa chiave di lettura non potrà mai comparire prima tra le regioni”.


 

    Lascia il tuo commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.*