Header Ad

Most Viewed

Trasporti pubblici, al via il servizio “Verona Airlink”

“Continua la rivoluzione del trasporto pubblico locale in Veneto. Stiamo lavorando in tutta la regione su progetti di integrazione ferro-gomma perché sappiamo che queste soluzioni vengono apprezzate e sono attese dagli oltre 180.000 pendolari che ogni giorno utilizzano 708 treni su 17 direttrici; l’integrazione tra i vari mezzi agevola l’utente e rende il viaggio un po’ più comodo”.

Questo il commento dell’assessore regionali ai Trasporti e Infrastrutture Elisa De Berti che oggi, a Verona, ha partecipato alla presentazione di “Verona Airlink”, il nuovo servizio misto treno e bus di collegamento tra l’aeroporto internazionale Catullo e la stazione ferroviaria di Porta Nuova. All’incontro, l’assessore ha partecipato insieme al sindaco Federico Sboarina, il direttore di Trenitalia Veneto Tiziano Baggio, quello di ATV Stefano Zaninelli e il vicesindaco Luca Zanotto.

“Il nuovo servizio che auspicavamo da tempo, in una città di importanza turistica e produttiva come Verona conferma l’attenzione e la potenzialità delle sinergie in campo verso moderne soluzioni intermodali. Queste, infatti, consentono ai cittadini di spostarsi con maggior facilità e preparano il campo alla circolazione con il biglietto unico. Tutti i progetti in corso, infatti, sono tasselli di un grande mosaico che porterà a questa soluzione che consentirà, mettendo in comunicazione tutte le modalità di bigliettazione, di pagare un unico titolo di viaggio per la percorrenza desiderata e portarla a termine tramite i vari sistemi di trasporto integrati”.

Nella mattinata di oggi, l’assessore De Berti ha avuto modo anche di visitare il nuovo treno Rock, uno dei primi due treni (l’altro è un Pop) in circolazione sulle tratte venete, dei 78 che saranno consegnati entro il 2022, grazie al contratto siglato con Trenitalia dalla Regione del Veneto.

“Questo è un altro importante passaggio della rivoluzione veneta dei trasporti – sottolinea l’Assessore -. Il contratto ha un valore complessivo di un miliardo di euro, di cui oltre 600 milioni riguardano esclusivamente nuovi treni. Si tratta di 47 Rock e 31 Pop. Ai 2 già in servizio se ne aggiungeranno 23 già nel 2020, proseguendo negli anni successivi fino a completare la fornitura per il 2022. Questo significa introdurre sulle nostre linee venete convogli nuovi di fabbrica e di più moderna concezione per tecnica e comfort, oltre che avere un parco circolante che garantisce maggior sicurezza per

l’utente. Quando nel 2023 saremo a regime, l’età media della flotta del Veneto che oggi si aggira intorno ai 16 anni, sarà di 4,6 anni”.

    Lascia il tuo commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.*