Header Ad

Most Viewed

Tracciare la provenienza del latte. Coldiretti plaude Pan

Coldiretti Veneto esprime soddisfazione per la decisione assunta dall’Assessore regionale all’agricoltura di scrivere al Ministero della Sanità per chiedere i dati inerenti i flussi in entrata di latte dall’estero con i relativi destinatari in Veneto.

“Bisogna mettere in atto tutte le azioni per accedere ai dati e ai nominativi delle industrie di trasformazione che in piena emergenza da coronavirus continuano ad importare dall’estero latte e cagliate – commenta il presidente Daniele Salvagno – e annunciano riduzioni di prezzo del  latte alla stalla dei nostri allevatori con la scusa della sovrapproduzione, mettendo in ginocchio la zootecnia veneta”:

“Tutti i trasformatori che continuano con questi comportamenti – denuncia il Presidente di Coldiretti Veneto – non sono amici degli agricoltori veneti”.

“Garantire la trasparenza è un atto dovuto verso più di 3mila aziende zootecniche che lavorano 12milioni di quintali l’anno. Lo è anche per i consumatori – spiega Coldiretti Veneto – che in questo momento drammatico devono conoscere l’origine dei prodotti”.

Coldiretti ricorda che ogni giorno 5,7 milioni di litri di latte straniero attraversano le frontiere e invadono l’Italia con cisterna o cagliate congelate low cost di dubbia qualità. Bisogna fermare qualsiasi tentativo di speculazione sui generi alimentari di prima necessità come il latte che – sottolinea la Coldiretti – nell’ultima settimana di rilevazione sui consumi ha registrato un balzo del 47% degli acquisti da parte delle famiglie, sulla base dei dati IRI che evidenziano anche l’aumento degli acquisti di formaggi, dalla mozzarella (+35%) al Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+38%).

    Lascia il tuo commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.*