Header Ad

Most Viewed

Acque minerali d’Italia: vertice interregionale al Mise su piano concordatario. Veneto impegnata su Valli del Pasubio

L’assessore al lavoro della Regione Veneto, Elena Donazzan, assistita dall’Unità regionale di crisi aziendale guidata da Mattia Losego, ha partecipato all’incontro organizzato dal Ministero per lo Sviluppo Economico in merito alla situazione di difficoltà aziendale del gruppo AMI (Acque Minerali d’Italia).

All’incontro, richiesto dalla Regione Veneto dopo quello del 12 marzo scorso, hanno partecipato le organizzazioni sindacali nazionali e territoriali, i vertici aziendali e le Regioni (Umbria, Emilia Romagna e Lombardia, oltre al Veneto) dove insistono gli otto stabilimenti del gruppo. Il gruppo Ami in Veneto è presente a Valli del Pasubio con il marchio Acqua Norda, che impiega oltre 50 persone.

L’incontro di oggi doveva monitorare lo stato di avanzamento del piano concordatario che l’azienda intende presentare. Tale piano definirà i termini delle iniziative di rilancio per l’intero gruppo.

La Regione Veneto, insieme alle organizzazioni sindacali e alle altre parti presenti, ha garantito, per quanto di competenza, il supporto ad ogni iniziativa utile al rilancio industriale e alla tutela occupazionale del sito produttivo e dei lavoratori di Acqua Norda di Valli del Pasubio.

La Regione ha chiesto altresì all’azienda di poter essere aggiornata nel più breve tempo possibile rispetto agli elementi di novità al fine di poter intervenire in modo efficace e tempestivo per il supporto industriale e la salvaguardia occupazionale, in stretto raccordo con il Ministero per lo Sviluppo Economico.

La Regione Veneto continuerà a monitorare la situazione, per il tramite della propria unità di crisi, e manterrà il raccordo con le organizzazioni  sindacali regionali e territoriali e l’amministrazione comunale di Valli del Pasubio.

 

    Lascia il tuo commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.*