Header Ad

Most Viewed

Carpenter, il regista da un altro mondo

John Carpenter viene normalmente accostato al cinema del terrore. E anche giustamente, essendo il regista di titoli destinati a segnare per sempre il genere quali lo slasher HALLOWEEN, con il quale ha dato inconsapevolmente vita a una delle saghe più longeve dell’horror, ma anche il fanta-horror THE THING o THEY LIVE. Ma se realmente dovessimo definire il cinema di Carpenter, allora potremmo certamente affermare che il suo è un cinema “politico”, e attraverso il quale il cineasta newyorkese mira a colpire senza se e senza ma, palesando esplicite prese di posizione (attacco al capitalismo e al consumismo, critica senza veli alla società) pur sperimentando sempre l’ambito dell’entertainment puro, e ricorrendo a sottogeneri mai scontati o d’elite, ma appunto “estremi”, eccessivi, spinti. Ma, come anticipato, le sue opere solo superficialmente possono essere associate alla fantascienza o all’horror: in realtà infatti sfruttano i meccanismi del genere per raccontarci i problemi e le contraddizioni della nostra quotidianità, di ciò che ci circonda. Insomma, Carpenter sfrutta il terrore per arrivare senza mezzi termini a noi. E proprio questo è il focus attorno al quale il critico Edoardo Trevisani, già autore di diversi volumi sul tema, sviluppa il suo saggio, edito da NPE, “John Carpenter – il regista da un altro mondo”.

«Quello di Carpenter – scrive l’autore – è un cinema che fagocita i generi e li ripropone secondo le direttive della sperimentazione e dell’intrattenimento, sotto il quale si sedimentano però le pulsioni, i malesseri e i turbamenti di una società in preda agli spasmi di mutazioni irreversibili». L’autore quindi centra il segno, firmando un volume che ripercorre l’intera carriera del regista di THE FOG e 1997: FUGA DA NEW YORK, che seppur ritiratosi da diverso tempo dalle scene, resta ancora oggi un punto di riferimento indiscusso. Nell’horror, ma non solo.


Alessia Urrata

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    tre × 3 =