Header Ad

Most Viewed

In sala. Il Nilo si tinge di giallo

 

Cinque anni dopo Assassinio sull’Orient Express, film campione d’incassi e con un cast stellare diretto da Kenneth Branagh, che veste anche i panni dell’investigatore partorito dalla mente geniale di Agatha Christie, Hercule Poirot torna sul grande schermo con l’adattamento del romanzo giallo del 1937 Assassinio sul Nilo.  Su sceneggiatura di Michael Green, e sempre diretto e interpretato da Branagh, l’indagine di Poirot si sposta per l’occasione in Egitto: l’investigatore viene invitato dall’amico Bouc (Tom Bateman) a partecipare alla crociera lungo il Nilo organizzata da una coppia di neosposi, l’ereditiera Linnet Ridgeway (Gal Gadot) e il suo sposo Simon Doyle (Armie Hammer), conosciuto a Londra poco tempo prima e conteso tra lei e la migliore amica Jacqueline de Bellefort (Emma Mackey). Al viaggio partecipano anche la zia di Linnet e la sua infermiera; il cugino della donna e gestore delle sue finanze; la cameriera francese; una cantante blues e la nipote manager; la madre di Bouc e la stessa Jacqueline, che perseguita i due sposini e medita vendetta. Quando Linnet viene trovata uccisa, sul battello si apre l’indagine di Poirot: chi ha ucciso la bellissima ereditiera?

Se il primo esperimento di riportare in scena un classico del giallo, sancendone l’enorme successo anche per via di un girato in 65mm, non replicato per la seconda occasione, si è rivelato al botteghino vincente, il ritorno sulle scene di Poirot non rende giustizia al classico della letteratura di genere. Per le indagini ambientate sul Nilo infatti la messa in scena suona inevitabilmente come un malriuscito tentativo di cavalcare l’onda del successo, senza mai realmente affondare il colpo e replicando sì una trama ben scandita, ma senza pathos e priva colpi di scena veri e propri. Il cast, seppur validissimo, non restituisce un’interpretazione memorabile, quasi svolgendo il compito assegnato per convenzione e dovere, ma non certo per passione. Prova non superata.

 


Alessia Urrata

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    venti + 7 =