Header Ad

Most Viewed

Aquarius Visionarius: nell’universo cinematografico di Michele Soavi

Uno dei nomi più importanti del cinema italiano di genere e non, Michele Soavi, viene raccontato e si racconta, in esclusiva per la prima volta, in un interessante quanto singolare documentario a firma di Claudio Lattanzi, suo amico e collaboratore, oltre che fan.

Sin dal titolo, mero omaggio a quella pionieristica quanto rappresentativa pellicola slasher di casa nostra, oggi nota come Deliria (titolo di lavorazione Aquarius), Lattanzi cerca, e riesce nell’intento, di passare in rassegna quell’epoca d’oro del cinema italiano che vede il regista milanese spiccare tra i big, al fianco dei quali lavora ed opera, ma senza ereditarne stili o tecnica. No, perché Soavi, non vuole essere l’erede di Argento o Bava, ma vuole dare spazio alla sua arte e creatività, innovazione e ingegno dietro la macchina da presa. E questo emerge in maniera egregia dall’opera monumentale realizzata da Lattanzi che, munitosi di materiale di prima mano, ha saputo catturare e soprattutto condensare, cosa non scontata quando si ha dinnanzi una filmografia copiosa come quella di Soavi, tutto ciò che di più rappresentativo vi è del regista.

Il doc di Lattanzi è un mix esplosivo di immagini e suggestioni, il regista ci parla del protagonista in maniera trasversale, e da una soggettiva unica. Non una mera ricostruzione cronologica, quindi, ma la narrazione suggestiva di una storia lunga quarant’anni. Da non perdere!


Alessia Urrata

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    dodici + quattro =