Header Ad

Most Viewed

Un percorso tra le antiche miniere di ferro a Colle Santa Lucia

Ci sono delle gemme incastonate nel nostro territorio. Meraviglie poco conosciute. Contese tra il vescovo di Bressanone e la Serenissima, l𝗲 𝗠𝗶𝗻𝗶𝗲𝗿𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗙𝘂𝗿𝘀𝗶𝗹, scavate nel territorio di Colle Santa Lucia, rappresentarono per secoli la principale fonte di guadagno per l’Agordino per l’estrazione di minerale ferroso, prezioso per la produzione delle armi.

Molti lavoravano in quel sito. Livinallesi, badioti, minatori e maestranze venete e cadorine erano impegnati nell’estrazione e lavorazione del ferro. Tradizione che si è tramandata di generazione in generazione fino alla fondazione della scuola di chimica mineraria in Agordo ancor oggi attiva.

Buona parte del minerale estratto storicamente veniva infatti trasportato e lavorato nei forni di Caprile, Pescul, Canale d’Agordo, Cencenighe, Borca di Cadore, per poi finire nei forni fusori di Andraz e della Valparola.  Il prodotto finito o semilavorato veniva poi trasportato a Longarone perché potesse essere condotto tramite i zattieri, lungo il Piave,  un lungo e periglioso viaggio fino ad arrivare a Venezia.

Veniva chiamata la “strada della vena”, parte del più vasto percorso “la via del ferro”, unisce tutte queste località, da Colle Santa Lucia, dove si trovano le numerose miniere di Fursil, ai forni fusori della Valparola.

Da non dimenticare altri itinerari storici che ripercorrono il trasporto del ferro: da Colle Santa Lucia a Caprile, luogo in cui era collocato uno dei forni più importanti della zona; da Colle Santa Lucia a Forcella Staulanza e verso Longarone. Sono pezzi di storia che vengono tramandate, che il territorio custodisce e che i libri ci raccontano.

Le miniere hanno ancora molti ingressi, la miniera di Costalta, la miniera di Troi nei pressi del Casale, la miniera di Zenghe nei pressi della Frana dei Vauz, la miniera di Ru e quella di Vauz.

Foto tratta dal Magazine Dolomiti Bellunesi

 


Pamela D'Incà

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    undici − cinque =