Swm: Italia, Cina e un po’ di Venezia

di Gigi Fincato*

Un marchio italiano storico per gli appassionati di moto, Swm, capace di vincere tra gli altri un mondiale nel trial, un europeo nella Regolarità, un Vaso d’Argento alla Sei Giorni ed un tricolore nel cross. Ma capace anche di essere per anni al primo posto dei sogni a due ruote degli appassionati. Oggi Swm è di nuovo al top e vede ai suoi vertici tecnici italiani di  esperienza internazionale uniti all’imprenditorialità del colosso motoristico cinese Shineray Group. Continua a leggere “Swm: Italia, Cina e un po’ di Venezia”

Honda Italia, un anno di corsa

di Gigi Fincato*

Un marchio fondamentale per il motorismo, il nipponico Honda. Uno dei pochi, si contano sulle dita di una mano che producono, con successo due e quattro ruote.

Il radicamento in italia è sempre stato forte, lo dimostrano anche le presenze “importanti” ai maggiori saloni espositivi di casa nostra, compreso, per le due ruote (ma non solo) il più significativo del Nordest, il Motor Bike Expo di Verona, come ci ha spiegato Costantino Paolacci, responsabile della comunicazione per il marchio giapponese in Italia. Continua a leggere “Honda Italia, un anno di corsa”

Mr Martini, fra moto e fornelli

di Gigi Fincato*

Ormai anche nel Nordest, di customizzatori la cui fama varca i confini nazionali ce ne sono molti, ma pochi come Nicola Martini hanno saputo diventare una vera e propria “istituzione” nel settore. Il motivo è semplice, questo veronese affabile e cresciuto fra i motori (il padre aveva una pompa di benzina in via Tombetta a Verona, proprio dove sorge oggi il suo “regno”), oltre che essere un vero artista delle moto, riconosciuto a livello internazionale, ha anche una naturale propensione verso la cura dell’immagine e del marketing, al punto da aver creato un luogo, il Cafè Special, dove moto, moda, cucina e spettacolo sono un tutt’uno.

Continua a leggere “Mr Martini, fra moto e fornelli”

Car wrapping, come avere l’auto dei propri desideri

di Gigi Fincato*

Avere un’auto personalizzata, con un colore unico, o farsela decorare con i colori della squadra del cuore, il logo della nostra ditta o addirittura usando disegni mimetici o che ricalcano un’opera d’arte. Si chiama car wrapping ed è un fenomeno che ha ormai varcato i confini della moda, per diventare un accessorio inserito nei listini di diverse case automobilistiche. Ne abbiamo parlato con Simone Roitero, titolare della Microstudio di Treviso, uno dei primi in Veneto a capire le potenzialità di questo fenomeno.

Intanto ci facciamo spiegare meglio in cosa consiste il car wrapping.

Si tratta di una tecnica che è diventata di moda, ma deriva dagli anni di applicazione di pellicole e prima ancora di decorazioni, che venivano e vengono fatti a scopo pubblicitario sugli automezzi.

Oltre che per motivi estetici, la pellicola che viene applicata sulla carrozzeria può servire anche come protezione?

Negli anni le pellicole utilizzate si sono evolute, al punto da diventare talmente belle e con finiture speciali, che adesso possono essere applicate anche sulle vetture di tutti i giorni, non solo sui mezzi commerciali. Per quanto riguarda la protezione, ovviamente c’è, perchè si tratta comunque di un film dello spessore di 70/100 micron che viene applicata sulla carrozzeria. Quindi la protezione esiste sicuramente, anche se poi ci sono delle pellicole speciali fatte solo per proteggere il mezzo.

Dal punto di vista estetico, quali sono le cose più strane che vi sono state richieste?

Possiamo parlare più che altro di parti di vetture. Una volta mi è successo di andare a rubare un Vespa. In realtà ovviamente non l’ho rubata, ma la fidanzata del proprietario, per il loro matrimonio, aveva voluto regalare al marito una decorazione sullo scooter; così sono andato con il furgone della ditta a prendere la Vespa, per poi decorarla e riportarla in garage durante il viaggio di nozze. Così, al suo ritorno, lo sposo si è ritrovato uno scooter che era diventato mimetico.

Oltre che dei tecnici del car wrapping, vi si può considerare anche un po’ degli artisti; fino a che punto ci si può spingere con la fantasia per realizzare dei mezzi originali?

Più che un artista, mi definirei un progettista grafico, dove però la fantasia è l’unico limite. Dopodichè c’è la tecnica, con le stampanti che utilizziamo per realizzare la pellicola sul film bianco con il soggetto che più piace al cliente.

Un’ultima inevitabile domanda non può che riguardare i costi: i prezzi sono accessibili, è cioè uno sfizio che si può togliere chiunque per avere un’auto originale?

C’è intanto da dire che una piccola vettura ha un costo contenuto, mentre se parliamo di macchine particolari, di lusso, ci si può spingere fino a “farsi male” con il prezzo. Ci si può fare un regalo anche andando a decorare un piccola parte della macchina, come per esempio simulando un tetto in vetro con una pellicola nera lucida, o ancora si può fare una parte in carbonio su un’auto sportiva, per renderla più accattivante e si possono realizzare tante piccole finiture che hanno chiaramente un costo inferiore rispetto a fare tutta la vettura.


gigi fincato*Giornalista

 

Sicurezza stradale: no alcol, buon senso e casco. Il vademecum della Polstrada

di Gigi Fincato*

I soliti luoghi comuni li vedono nella parte dei cattivi, di quelli che fermiamo gli automobilisti per multarli. Ma il ruolo degli agenti della polizia stradale in realtà è molto più complesso e soprattutto totalmente a vantaggio di chi utilizza le strade. Continua a leggere “Sicurezza stradale: no alcol, buon senso e casco. Il vademecum della Polstrada”

Motor Bike Expo, 7 padiglioni, 700 espositori e tanti spettacoli

di Gigi Fincato*

Una kermesse unica nel suo genere, il Motor Bike Expo di Verona, che per l’undicesimo anno a metà gennaio (da giovedì 17 a domenica 20) attira decine di migliaia di appassionati alla Fiera di Verona. Moto, soprattutto, di serie e non, ma anche accessori, abbigliamento, auto e quant’altro può interessare gli appassionati. 80mila metri quadrati di esposizione su 7 padiglioni, circa 700 espositori, oltre ad uno spazio esterno per gli eventi più spettacolari, i workshop educativi e le prove. Artefici del tutto una coppia veneziana, Francesco Agnoletto, project manager, e Paola Somma, responsabile del marketing di Mbe, che siamo riusciti ad intercettare la mattinata dell’apertura. Continua a leggere “Motor Bike Expo, 7 padiglioni, 700 espositori e tanti spettacoli”