Nuovi boschi, un premio a chi aiuta a farli nascere

“Jean Giono – L’uomo che piantava gli alberi” è il riconoscimento (1.000 alberi) istituito da Veneto Agricoltura per chi ha operato concretamente in favore della valorizzazione del patrimonio boschivo. Le candidature dovranno pervenire entro il 5 settembre prossimo. L’obiettivo 5.000 ettari. Continua a leggere “Nuovi boschi, un premio a chi aiuta a farli nascere”

Ambiente, con gli alberi si può……

Come la messa a dimora di alberi in terreni agricoli può contribuire ad una migliore gestione dell’acqua, alla mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici, all’integrazione del reddito agricolo aziendale? Quali sono le diverse soluzioni tecniche e come possono essere utilizzati i contributi pubblici, in particolare del Programma di Sviluppo Rurale, per realizzare degli impianti arborei? Continua a leggere “Ambiente, con gli alberi si può……”

Colline del Prosecco patrimonio Unesco. In arrivo le linee guida

La Regione del Veneto ha convocato un gruppo di lavoro al fine di procedere rapidamente con la messa in campo delle attività operative legate al management delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, recentemente riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Continua a leggere “Colline del Prosecco patrimonio Unesco. In arrivo le linee guida”

Le Colline del Prosecco sono patrimonio Unesco. Zaia: “Vittoria meritata”

Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono patrimonio dell’Umanità. La 43° sessione del Comitato per il Patrimonio mondiale Unesco, riunita a Baku, capitale dell’Azerbaijan, ha iscritto le Colline trevigiane nella lista dei paesaggi culturali da tutelare come patrimonio dell’umanità.

Continua a leggere “Le Colline del Prosecco sono patrimonio Unesco. Zaia: “Vittoria meritata””

Nordest spazzato dalla pioggia. Ecco le aree del Veneto più colpite

L’Unità di Crisi attivata da ieri mattina dal Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e coordinata dall’Assessore alla Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin, ha diffuso un aggiornamento della situazione causata dal maltempo che sta colpendo il territorio.

Attualmente è venuta a mancare l’energia elettrica in alcune zone del bellunese e del trevigiano, mentre problemi diversi si segnalano praticamente in tutte le province. Questo è il quadro della situazione:

Provincia di Belluno

  • Cortina  si è verificato il cedimento di un muro di sponda sul Boite all’altezza dell’hotel Barisetti; si continua a operare sul torrente Bigontina in zona Alverà per prevenire il rischio esondazione
  • In Agordino si riscontrano diffusi smottamenti e colate detritiche che hanno interessato anche la viabilità con diverse strade di cui è stato interdetto l’accesso. Isolate a Cencenighe le frazioni di Chenet, Lorenzon e Boch; a Taibon quella di Forno Val
  • Val di Zoldo con chiusura della viabilità di accesso per allagamenti
  • Feltrino con allagamenti diffusi (evacuata la frazione di Villaga) e chiusura della strada regionale
  • Chiusi due ponti sul Piave (Belluno e Quero-Vas) a scopo precauzionale
  • Perarolo di Cadore: continua ad essere monitorata la situazione delle briglie a monte della frana verso Valle di Cadore per possibili problemi strutturali alle ali (in particolare quella in sinistra idrografica). Poiché non si possono escludere problemi di cedimento il sindaco ha cautelativamente disposto l’evacuazione dell’abitato delle case interessate al rischio
  • Santo Stefano di Cadore segnalata un’erosione della sponda del Piave in località Cunettone
  • San Vito di Cadore, allagamenti per esondazione del Boite in località Serdes
  • E’ in corso un intervento di sghiaia mento sul torrente Gresal finalizzato al ripristino delle condizioni di deflusso in comune di Sedico
  • Problematiche registrate anche nei torrenti Giralba ad Auronzo di Cadore, Roa Bianca a Listolade di Taibon Agordino, Liera e Pissolotto in Val di Gares di Canale d’Agordo, Stuer a Gosaldo, Zunaia e affluente al Masarè ad Alleghe, rio Val Storta a La Valle Agordina e rio Croton a Rocca Pietore,
  • Si segnala inoltre la chiusura di diverse strade: Sr 641 Fedaia, Sr 355 Val Degano, Sr 203 tra Cencenighe e Avoscan, Sr 348 Feltrina, Sr 251 Val di Zoldo, Passo Duran, la Sr 48 di Rio Gere e la Sp 5 di Lamosano; chiuso pure il San Pellegrino dal lato della provincia di Trento.

Provincia di Treviso

  • La situazione dei fiumi è monitorata per Livenza e Piave.
  • In territorio friulano si registra una frana ai confini con Gaiarine
  • Resta attenzionata la possibile futura piena del fiume Livenza per la quale si è costantemente in collegamento con il Dipartimento Nazionale di PC e la Regione Friuli Venezia Giulia.

Provincia di Padova

  • Particolarmente attenzionati i livelli del Brenta e del Muson dei Sassi.
  • Provincia di Venezia
  • Oltre alla marea eccezionale, attenzionata per i prossimi giorni la parte terminale del Piave, del Livenza e del Tagliamento;
  • Vi sono stati interventi per un cedimento arginale del fiume Lemene a Caorle, ma il problema è stato risolto

Provincia di Verona

  • Si confermano i livelli alti dell’Adige che ha superato la seconda soglia di guardia; è stata attivata la procedura per l’eventuale apertura della galleria Mori Torbole che potrà fungere da scolmatore sul lago di Garda
  • Si segnalano piante e pali della luce divelti con qualche punto di interruzione di corrente elettrica

Provincia di Vicenza

  • Rimangono isolati Lastebasse, Pedemonte e Posina con l’evacuazione di alcuni abitazioni

L’Unità di Crisi per il maltempo attivata in Veneto comunica ai cittadini che in caso di necessità è attiva la Sala Operativa della Protezione Civile della Regione. I contatti sono i seguenti:

sala.operativa@regione.veneto.it

800 990009

Sono inoltre attivi i comitati di coordinamento dei soccorsi attivati presso le prefetture di:

BELLUNO

protezionecivile@provincia.belluno.it

0437 31320

TREVISO

protcivile.pref-treviso@interno.it

0422 358130

VENEZIA

salaoperativa.pref_venezia@interno.it

041 2794082

IMG-20181029-WA0003

Nelle foto di CF: Colmelloni Limena, il Brenta.

Golena Castello San Martino della Vaneza, Cervarese Santa Croce (Bacchiglione) (Foto CF)

 

Bacchiglione, Ponte di Montegaldella (Video CF)


 

Altopiano dei Sette Comuni. Caner: “Bandi che favoriscono gli investimenti”

Lo aveva annunciato l’assessore regionale al turismo lo scorso luglio, quando presentò l’ultima iniziativa del POR FESR per l’erogazione di contributi finalizzati a investimenti innovativi alle piccole e medie imprese di montagna, che a breve l’Altopiano dei Sette Comuni e il Comelico avrebbero beneficiato di analoghi e specifici interventi per il settore turistico. Continua a leggere “Altopiano dei Sette Comuni. Caner: “Bandi che favoriscono gli investimenti””

Lupi in Veneto, al via il monitoraggio con radiocollare

Radiocollare in arrivo per i lupi nelle aree comprese tra Lessinia, Monte Carega a Altopiano di Asiago. E’ quanto ha annunciato oggi l’assessore regionale all’Agricoltura Giuseppe Pan, al tavolo regionale per la gestione del lupo e dei grandi carnivori, convocato a Venezia. Continua a leggere “Lupi in Veneto, al via il monitoraggio con radiocollare”

Agroalimentare, in Veneto la filiera corre più dell’economia regionale: settore da 14,5 miliardi

E’ il settore agroalimentare la ‘lepre’ dell’economia veneta: la filiera dei cibi ‘made in
Veneto’ di qualità, dell’industria di trasformazione e commercializzazione e della ristorazione corre più forte dell’economia regionale. Il fatturato delle sue 44 mila imprese supera i 56 miliardi di euro e nel triennio 2013-2015 è cresciuto mediamente del 2,5 per cento, quasi un punto in più rispetto ai ritmi del Pil regionale. Continua a leggere “Agroalimentare, in Veneto la filiera corre più dell’economia regionale: settore da 14,5 miliardi”

Lupi in Veneto, firmato un protocollo d’intesa

Nel corso del 2017 nel Veneto si sono registrati 163 eventi predatori da parte dei lupi, di cui sono stati vittime 357 capi (115 bovini, 219 ovi-caprini, 21 asini e 2 di altre specie). Per quanto riguarda l’anno 2018, alla data del 30 giugno sono già 43 gli eventi predatori denunciati dagli allevatori veneti: 17 in provincia di Belluno, 4 in quella di Treviso, 9 in quella di Vicenza e 13 in provincia di Verona. Continua a leggere “Lupi in Veneto, firmato un protocollo d’intesa”