Scuola, in Veneto un ragazzo su 9 lascia gli studi. Meno abbandoni della media nazionale.

In Veneto un ragazzo su 9 abbandona la scuola, con al massimo la licenza di terza media in tasca. I dati forniti dall’Ufficio scolastico regionale dimostrano che in Veneto il fenomeno dei ‘drop-out’, vale a dire degli abbandoni precoci dell’istruzione o formazione scolastica senza aver raggiunto un titolo di studio secondario,  è meno accentuato della media nazionale.

Continua a leggere “Scuola, in Veneto un ragazzo su 9 lascia gli studi. Meno abbandoni della media nazionale.”

Solidarietà Veneto: patto per il risparmio previdenziale contro i cambiamenti del clima

di Giorgio Gasco*

Dopo le devastazioni della tempesta Vaia, che alla fine dell’ottobre scorso ha devastato 41mila ettari di boschi del Nordest e 8,6 milioni di meti cubi di alberi abbattuti, il fondo pensione territoriale Solidarietà Veneto lancia un patto per il risparmio previdenziale in grado di contrastare i cambiamenti climatici. Da quella catastrofe, la riflessione sul clima e sulla sostenibilità dell’attività economica si è sviluppata con crescente intensità. Oggi ci si interroga: succederà ancora? Cosa possiamo fare? Qual è il ruolo della finanza e del Fondo pensione?
Continua a leggere “Solidarietà Veneto: patto per il risparmio previdenziale contro i cambiamenti del clima”

Occupazione, imprese, export ed energia: il Veneto locomotiva del Paese

Il Veneto marcia più spedito del resto del Paese quanto ad occupazione, export, vitalità di impresa e consumi di energia. L’ultimo numero del bollettino socio-economico della Regione, in rete da domani (http://statistica.regione.veneto.it/), fotografa i segni della ripresa che, in particolare per lavoro e occupazione,  raggiungono e superano i  livelli pre-crisi. Continua a leggere “Occupazione, imprese, export ed energia: il Veneto locomotiva del Paese”

Carcere: inaugurata sezione di cure intensive a Rovigo. Lanzarin: “Veneto garantisce assistenza a tutti i detenuti”

“La sezione di assistenza intensiva in medicina fisica e riabilitativa all’interno del carcere di Rovigo rappresenta una forte innovazione per il sistema della salute in carcere perché è un centro specialistico per la popolazione reclusa dei novi istituti penitenziari del Veneto, in grado di soddisfare pienamente i criteri di appropriatezza e di sicurezza clinica, nel rispetto degli standard presenti sul territorio e delle condizioni di sicurezza”.
E’ quanto ha sottolineato l’assessore regionale alla Sanità e al sociale Manuela Lanzarin inaugurando a Rovigo la nuova Sezione di Assistenza Intensiva specializzata in medicina fisica e riabilitativa ambulatoriale per patologie ortopediche. Il reparto, dotato di 6 stanze, 15 posti letto e fornito di moderne attrezzature e di una palestrina riabilitativa adatta anche per persone con disabilità motoria, sarà seguito da una equipe multiprofessionale di medici, fisioterapisti e infermieri.
La sezione di assistenza intensiva è a servizio dei bisogni di salute di cura dei circa 2300
detenuti dei nove penitenziari del territorio veneto e consentirà di evitare i disagi e i costi delle traduzioni delle persone recluse presso strutture ambulatoriali esterne al carcere, senza impegnare le liste di attesa nel territorio.

Cattura
“A 10 anni di distanza dal passaggio delle competenze in tema di sanità dal Ministero di
Giustizia al Servizio sanitario regionale – ha ricordato l’assessore Lanzarin – la Regione Veneto
assicura assistenza sanitaria h24 ai detenuti dei nove Istituti Penitenziari del Veneto,
attraverso ambulatori e reparti all’interno del carcere, oppure facendo ricorso alle strutture esterne della sanità ospedaliera nei casi di emergenza o di gravità complessa. In totale la popolazione assistita nel sistema penitenziario regionale raggiunge quasi le 6 mila persone, calcolando anche i nuovi ingressi”.
Portare salute dentro il carcere non è un compito semplice – ha ribadito la titolare delle
politiche sociali e sanitarie della Regione – almeno il 30 per cento dei detenuti è portatore di gravi patologie croniche. In Veneto tutti gli istituti di pena sono dotati di infermeria,
attrezzature radiologiche di telemedicina, ambulatori specialistici e odontoiatrici, dove è
garantita la presenza di medici e di specialisti. A Verona e a Padova sono stati istituiti anche due reparti detentivi: quello scaligero è già funzionante, quello padovano è in via di attivazione. Il disagio psichico e le dipendenze patologiche purtroppo interessano una
importante percentuale della popolazione detenuta, amplificate dalle condizioni di contesto.

576-2019 Conferenza stampa carcere Rovigo
Nel carcere di Rovigo e al Montorio di Verona sono attivi, rispettivamente, una articolazione di salute mentale e un centro di osservazione psichiatrica a Verona. Al Due Palazzi di Padova opera anche una specifica struttura per detenuti alcoltossicodipendenti, che a breve sarà potenziata. La Regione assicura interventi sanitari e assistenziali anche agli autori di reato con disagio psichico affidati alle REMS e alle strutture intermedie della Regione Veneto.
All’interno del riparto del fondo sanitario nazionale, i trasferimenti al Veneto per la sanità penitenziaria valgono quasi 7 milioni di euro (6.911.288 la quota assegnata alla Regione nel 2018). Per l’attivazione e l’avvio della prima sezione di assistenza intensiva a Rovigo la Regione ha investito 255 mila euro, di cui 111 mila a copertura del costo annuale del personale sanitario in servizio e 61 mila euro per attrezzature, arredi e strumentazione medica.
“Grazie anche alla prima sezione di assistenza intensiva, il Veneto, che da pochi mesi
coordina il gruppo interregionale per la Sanità Penitenziaria e rappresenta le Regioni al
Tavolo tecnico interistituzionale – ha concluso l’assessore – offre un sistema ampio e
articolato di assistenza alla popolazione detenuta nel proprio territorio, dimostrandosi capace di coniugare il rispetto del diritto alla salute con i criteri di appropriatezza delle cure e con le necessarie garanzie di sicurezza”.

Venezia già un cantiere per la Biennale Arte, Jean Arp da Guggenheim

di Maurizio Cerruti*

Anche se l’inaugurazione della Biennale Arte sarà l’11 maggio prossimo già ora tutta Venezia è un cantiere per la preparazione di questo evento di richiamo internazionale che muove attorno a sé una miriade di altre iniziative collegate direttamente o indirettamente. Continua a leggere “Venezia già un cantiere per la Biennale Arte, Jean Arp da Guggenheim”

61 milioni di utile nel bilancio della Credit Agricole FriuAdria. Eletto il nuovo Cda, riconfermata Chiara Mio

di Lucio Leonardelli*

L’Assemblea degli azionisti di Crédit Agricole FriulAdria (Gruppo Bancario Crèdit Agricole Italia), riunitasi oggi al Teatro Verdi di Pordenone, ha approvato il progetto di bilancio 2018 presentato dalla presidente Chiara Mio e dal direttore generale Carlo Piana. Continua a leggere “61 milioni di utile nel bilancio della Credit Agricole FriuAdria. Eletto il nuovo Cda, riconfermata Chiara Mio”

Banda ultra larga. Al via nuovi cantieri in 17 comuni

Sono diciassette i Comuni veneti nei quali, tra aprile e maggio, è prevista l’apertura di cantieri per portare l’infrastruttura che permette la connessione con banda ultra larga. Cantieri che si aggiungono agli ottantotto già avviati. Continua a leggere “Banda ultra larga. Al via nuovi cantieri in 17 comuni”

Vinitaly: le bottiglie della vendemmia sociale per i pazienti oncologici

Brindisi e solidarietà al Vinitaly, nello stand della Regione Veneto, con le bottiglie della prima vendemmia sociale realizzata per la Fondazione Altre Parole Onlus di Cittadella, che da anni si occupa di umanizzare le cure oncologiche e di coinvolgere i pazienti in esperienze e percorsi di vita, amicizia e condivisione sociale. Continua a leggere “Vinitaly: le bottiglie della vendemmia sociale per i pazienti oncologici”

Zaia governatore più amato d’Italia, “Non vinco io ma tutta la squadra”

(LL) – A conferma dell’ottimo stato di salute del partito “capitanato” da Matteo Salvini, che viaggia secondo i sondaggi su percentuali attorno al 35%, sono tre esponenti della Lega ad occupare il podio nella classifica che il Sole 24 Ore ha reso noto relativamente al gradimento dei presidenti di regione. Continua a leggere “Zaia governatore più amato d’Italia, “Non vinco io ma tutta la squadra””

Vinitaly. Lo stand del Veneto inaugurato con 40mila bottiglie di solidarietà per le vittime della tempesta Vaia

Inaugurazione all’insegna della solidarietà per le popolazioni colpite dalla tempesta “Vaia” dello scorso autunno quella dello stand del Veneto alla 53^ edizione del Vinitaly, apertasi  a Veronafiere. Continua a leggere “Vinitaly. Lo stand del Veneto inaugurato con 40mila bottiglie di solidarietà per le vittime della tempesta Vaia”