Violenza di genere. A Portogruaro Lucia Annibali

Un appuntamento da non perdere sabato 23 marzo a Portogruaro. Lucia Annibali, giovane e promettente avvocato sfregiata dall’acido da due uomini mandati dal suo ex-fidanzato, parlerà della violenza di genere, del suo impegno civico, sociale e culturale. L’incontro ha il patrocinio del Lions Club e del Comune. Continua a leggere “Violenza di genere. A Portogruaro Lucia Annibali”

L’estrema destra e il ruolo delle donne

di Corrado Poli*

Nei movimenti di estrema destra tradizionali le donne costituivano una percentuale ridotta degli attivisti. Se vi partecipavano, dovevano sostenere un ruolo di supporto e non di leadership. Un po’ come nella Chiesa Cattolica in cui le donne non possono essere ordinate sacerdoti e tanto meno aspirare a diventare vescovi o cardinali come avviene in numerose denominazioni evangeliche, nell’Islam e nel giudaismo riformati. Continua a leggere “L’estrema destra e il ruolo delle donne”

Maraini e una pericolosa deriva sessista

di Corrado Poli*

Il Corriere pubblica un intervento di Dacia Maraini che esordisce così: “A Genova un uomo accoltella a morte la moglie. Il pm, Gabriella Marino, chiede 30 anni. Un giudice, Silvia Carpanini, riduce la pena a 16 anni, perché «l’uomo ha agito sotto la spinta di un sentimento molto intenso, non pretestuoso, né umanamente del tutto incomprensibile». Una riflessione pericolosa e pretestuosa. Cosa vuol dire non «umanamente incomprensibile»? Che la menzogna, l’infedeltà femminile meritano la pena di morte?”
La prima risposta a queste domande scioccamente retoriche di Maraini è che lei stessa usa un linguaggio colpevolmente sessista e mistificante! Intanto, per parità di genere avrebbe dovuto scrivere: “l’infedeltà, indipendentemente se maschile o femminile, merita la pena di morte?” Continua a leggere “Maraini e una pericolosa deriva sessista”

Ogni 72 ore una donna viene uccisa: il femminicidio di scena a Este

Di omicidi a sfondo sessuale, di femminicidi maturati all’interno di contesti familiari apparentemente normali non se ne parla mai abbastanza. Nei primi dieci mesi di quest’anno in Italia le vittime di femminicidio sono state 106, una ogni 72 ore: il 7% in meno dello stesso periodo dell’anno scorso, quando erano state 114 secondo quanto emerge dall’aggiornamento statistico sul fenomeno curato da Eures – Ricerche economiche e sociali,

Il 12 dicembre ad Este, nella Sala Luigi Fumagalli, in via Brunelli, con inizio alle 14.15 esperti di fama internazionale si confronteranno proprio sul tema “Gli omicidi a sfondo sessuale: analisi della scena del crimine. Ad animare il dibattito, dopo l’introduzione di Emanuele Balbo, investigatore e amministratore di Fsi Unit, saranno il professor Sulvio Ciappi, psicologo e criminologo che parlerà del contributo della psicopatologia clinica; il giurista, criminologo e vittimologo professor Marco Monzani; il generale Luciano Garofano, già comandante dei Ris di Parma che affronterà il tema delle nuove frontiere della prova scientifica, e il dottor Luca Massaro, medico legale, esperto in scienze criminologiche e analista forense che parlerà della scena dell’omicidio sessuale. Modera l’avv. Patrizia Trapella, analista forense, penalista ed esperta in scienze criminologiche.

(Per iscriversi all’evento informazioni eventi.fsiunit@gmail.com)

IMG-20181124-WA0041


 

E dopo 50 anni di questione femminile arriva il momento di parlare di maschi

di Corrado Poli*

Da ormai centocinquant’anni – se non da sempre – si parla della questione femminile e della parità di diritti tra maschi e femmine. È giunto il momento di affrontare la questione maschile, oggi non meno problematica di quella femminile. A scanso di equivoci, non si negano alcune discriminazioni che le donne ancora subiscono. Continua a leggere “E dopo 50 anni di questione femminile arriva il momento di parlare di maschi”

Per scalare le Alpi le donne dovettero vincere i pregiudizi della morale, della medicina e del costume

di Nelli-Elena Vanzan Marchini*

Dal  9 giugno al 20 ottobre nella casa Wassermann di Villabassa in Pusteria si può visitare la piccola e deliziosa mostra fotografica: “IO, IN CIMA. Una storia delle donne in montagna”. (foto 1)  Vi sono esposti documenti e foto delle scalate al femminile che narrano la difficoltà di scardinare i pregiudizi e i luoghi comuni che a lungo riservarono ai soli uomini  la facoltà di praticare gli sport alpini. Continua a leggere “Per scalare le Alpi le donne dovettero vincere i pregiudizi della morale, della medicina e del costume”

Donne in corriera. Ecco cosa pensa Nadia

 

Cosa pensa Nadia

Ecco che arriva la Dora. Non la vedevo da mesi  Deve essere stata male. Guarda come è ingrassata! Sembra che il collo le sia diventato più corto da tanto tiene la testa infossata e lo sguardo basso. Sono incerta se salutarla o no. Continua a leggere “Donne in corriera. Ecco cosa pensa Nadia”

Donne in salute: ecco il decalogo per una corretta prevenzione

Le statistiche parlano chiaro: si stima che in Italia ogni anno avvengono 365.000 nuove diagnosi di tumore, il 48% fra le donne. Di fatto nel corso della vita circa un uomo su 2 e una donna su 3 rischia di ammalarsi di tumore. Ma non ci sono solo i tumori, molte altre patologie rendono difficile se non proprio invalidante la nostra vita.

Continua a leggere “Donne in salute: ecco il decalogo per una corretta prevenzione”

…. Qualche schiaffo da fidanzati, ma poi sono arrivati i pugni

 

di Antonella Debora Turchetto*

ACTV Brusutti ATVO…

Certo che Chetti e Aldo stanno passando un periodo durissimo.

Lui è in cassa d’ integrazione da 1 anno, ma pare che finisca male cioè con un licenziamento. Non so come fanno  e faranno con due bambini e un mutuo. Lui però ha cominciato ad aiutarla in casa come mai aveva fatto prima. Fa la spesa al discount e al mercato, porta i bambini a scuola e ha imparato perfino a cucinare, circa. Continua a leggere “…. Qualche schiaffo da fidanzati, ma poi sono arrivati i pugni”

Donne in corriera…. Il viaggio da incubo di Chetti tra torte mancate e apparecchi per i denti

Cosa pensa Chetti. Ausonia Burano Altino  Concordia Eraclea…. Il ferry boat Metamauco rimane attraccato. E’ sciopero ACTV e in laguna vanno solo le motonavi, poche. Peccato che per la Festa della Donna volevo fare in tempo stasera a trovarmi in pizzeria con le ragazze, ma sarò troppo stanca perché  oggi il viaggio per il lavoro è diventata una spedizione punitiva . Continua a leggere “Donne in corriera…. Il viaggio da incubo di Chetti tra torte mancate e apparecchi per i denti”