Elezioni europee. Aperta la “caccia” a candidati e alleanze

di Giorgio Gasco*

Elezioni europee. Dal 23 al 26 maggio circa 400 milioni di cittadini dell’Unione andranno alle urne per rinnovare l’europarlamento. Il numero dei seggi è ridotto rispetto alla tornata del 2014 per l’uscita della Gran Bretagna: secondo la nuova legge approva nel giugno scorso, l’assemblea passerà da 751 a 705 deputati; 46 seggi dei 73 posti riservati al Regno Unito verranno messi in “riserva” per poi essere distribuiti tra i rappresentanti dei Paesi che in futuro aderiranno all’Ue nella prossima votazione, gli altri 27 seggi saranno divisi tra i Paesi dell’Unione che sono sottorappresentati. In questa ridistribuzione, all’Italia, che andrà alle urne il 26 maggio, toccheranno 3 posti in più e passerà da 73 a 76 eurodeputati.

Continua a leggere “Elezioni europee. Aperta la “caccia” a candidati e alleanze”

Burocrazia, in Europa solo la Grecia sta peggio di noi

Nell’eurozona solo la Grecia sta peggio di noi. E questo la dice lunga sullo stato di difficoltà in cui versa la nostra Pubblica amministrazione.  Ci riferiamo al risultato emerso dalla stesura dell’indice europeo sulla qualità dei servizi offerti dagli uffici pubblici dei 19 paesi che utilizzano la moneta unica. Un’elaborazione, riferita al 2017,  che è stata realizzata dalla CGIA su dati della Commissione europea (*). Continua a leggere “Burocrazia, in Europa solo la Grecia sta peggio di noi”

La nuova Ue. Questa Europa è quella che vogliamo ?

di Gianlorenzo Martini *
A leggere i titoli dei quotidiani e soprattutto ascoltando dibattiti e approfondimenti (o presunti tali) propinati dai media, si scopre improvvisamente che esiste la UE con personaggi un po’ “grigi” chiamati Commissari e organismi dalla definizione un po’ strana : Consiglio, in primis.

Continua a leggere “La nuova Ue. Questa Europa è quella che vogliamo ?”

Illusioni e delusioni dell’Europa nel Forum su organizzazione dell’associazione Mitteleuropa

(LL) – “L’Europa deve ripartire dalla valorizzazione delle diversità dei popoli che la compongono, da quella unità nella diversità che era il sogno dei padri fondatori e di cui la nostra regione è un modello, poiché da quello che è il compendio della nostra comunità regionale abbiamo tratto il terreno fertile per lo sviluppo”. Continua a leggere “Illusioni e delusioni dell’Europa nel Forum su organizzazione dell’associazione Mitteleuropa”

L’Europa e la pace, un Nobel meritato

*Corrado Poli

Quanti di noi ricordano che nel 2012 il Premio Nobel per la pace fu assegnato all’Unione Europea? Ce lo siamo meritato allora e dovremmo continuare sulla strada intrapresa quasi settant’anni fa per meritarcelo ancora. Quanti, grazie all’ Europa hanno viaggiato, studiato in Erasmus e soprattutto si sentono cittadini europei oltre che del loro paese e della loro regione? Se è vero che oggi muoiono nel mare molti migranti, quanti sono stati accolti nella nuova e pacifica Europa che 70 anni fa aveva compiuto l’Olocausto e lo stava ripetendo in Bosnia, dove non era ancora arrivata? Continua a leggere “L’Europa e la pace, un Nobel meritato”

Botta e risposta sulla sussidiarietà tra Ciambetti e Junker alla cerimonia della settimana europea delle Regioni e delle Città

Venezia 8 ottobre – Botta e risposta tra il presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, e il presidente della Commissione europea, Jean- Claude Junker,  alla cerimonia di inaugurazione a Bruxelles  della settimana europea delle Regioni e delle Città, incentrata quest’anno sul tema della politica di coesione. Continua a leggere “Botta e risposta sulla sussidiarietà tra Ciambetti e Junker alla cerimonia della settimana europea delle Regioni e delle Città”