Celebrata nella Risiera di San Sabba a Trieste la Giornata della memoria nel ricordo della Shoah

(LL) – “Il ricordo della Shoah è un nostro dovere, affinché quanto avvenne anche tra queste mura, con la deportazione e l’uccisione di persone innocenti, non accada più”.

Lo ha detto oggi a Trieste il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, Riccardi Riccardi, in occasione della cerimonia dedicata alla Giornata della Memoria svoltasi nella Risiera di San Sabba, monumento nazionale dal 1965 dopo che, tra il 1943 e il 1945, fu campo di concentramento per lo smistamento dei deportati in Germania e in Polonia e luogo dove vennero eliminati ebrei, partigiani e detenuti politici. Continua a leggere “Celebrata nella Risiera di San Sabba a Trieste la Giornata della memoria nel ricordo della Shoah”

Giornate della memoria o del perdono

di Corrado Poli

Le giornate della memoria possono essere pericolose se non se ne coglie il senso più vero, profondo e attuale. Vanno spiegate con spirito critico e le celebrazioni impostate con cautela e sensibilità. Anzitutto, la memoria del male è un dovere per chi l’ha individualmente o collettivamente perpetrato. È normale e giusto che gli italiani ricordino i compatrioti uccisi nelle foibe; più difficile e nobile sarebbe istituire una giornata della memoria per le ben più numerose vittime slave del fascismo! Se sono le vittime a ricordare “agli altri” le ingiustizie subite, nel migliore dei casi si corre il rischio di trasformare la memoria in vittimismo strumentale, in una gara a chi è più vittima. Continua a leggere “Giornate della memoria o del perdono”