Le reggitrici. Donne d’acqua, donne di fiume

La silloge di Annalisa Boschini , giornalista,“ Le reggitrici, donne d’acqua, donne di fiume” è dedicata a Bruna, una santa birichina.
Bruna non è una delle 16 protagoniste dei racconti, ma è invece la nonna paterna dell’autrice, una donna vigorosa, piena di coraggio e fascino,che oltre ad allevare la nipote, l’ha condotta per mano nel mondo delle reggitrici, comunemente chiamate rezdore, ma personaggi molto più complessi e vitali rispetto al marchio un po’ sfocato e sicuramente stereotipato della tradizione comune. Continua a leggere “Le reggitrici. Donne d’acqua, donne di fiume”

Arriva la collana “Scale Matte” per far rivivere le opere dimenticate

È una piccola sfida culturale. L’occasione e l’opportunità di far conoscere al pubblico di lettori opere dimenticate, inediti, “dimenticate” sugli scaffali delle Biblioteche che hanno un unico comun denominatore: parlano di ebrei, di vicende storiche che riguardano il mondo ebraico, le relazioni tra comunità religiose e che, nell’intento più simbolico, vogliono mantenere fervido il dialogo e lo studio. Continua a leggere “Arriva la collana “Scale Matte” per far rivivere le opere dimenticate”

Libri, le nostre proposte della settimana

Cosa troviamo di bello in libreria questa settimana? A cura di Fastbook ecco le proposte per tutti “i gusti”, dai saggi ai thriller ai romanzi da non perdere.

E se volete inviarci una vostra recensione di un libro che vi è particolarmente piaciuto o che ha segnato la vostra vita saremo lieti di pubblicarla.

Buona lettura a Tutti.

 

Cattura.PNG

Voglia di libri. I consigli della settimana

Grazie al contributo di Fastbook inauguriamo una rubrica per segnalare non solo le novità uscite di recente e neppure solamente i libri in classifica, ma quelle opere che a detta di chi di libri se ne intende meritano di essere presi in considerazione.

Consigli utili per chi ogni volta fatica  a scegliere, ma anche per coloro che sono attenti lettori e sentono il desiderio di confrontarsi.

Nella scheda qui sotto trovate libri di autori sia italiani sia stranieri che presentano opere che abbracciano diversi stili letterari.

Lo scopo di questa iniziativa è quella di aprire un dibattito, quindi restiamo in attesa anche dei vostri suggerimenti che presenteremo ai lettori.

Buona scelta e soprattutto buona lettura

Cattura.PNG

Incomparabili. Voci fuori dal coro. Teatro, musica e un passo di danza

Il volume Incomparabili. Voci fuori dal coro (Gabrielli Editori) chiude la “trilogia” dedicata dal giornalista Claudio Capitini, attraverso i suoi ritratti-interviste, alla storia di teatro, musica e danza, prodotti o ospitati a Verona, e che hanno vi-sto la città scaligera quale ‘caput mundi’ dello spettacolo italiano e internazionale dagli anni Ottanta a oggi. Continua a leggere “Incomparabili. Voci fuori dal coro. Teatro, musica e un passo di danza”

Padova, una “guida” per la caccia alla scienza

L’Università di Padova festeggia i suoi otto secoli di storia (1222 -2022) con una serie di iniziative volte al largo pubblico. Tra queste, una collana di libri a cura de Il Bo live che va a “curiosare” tra gli aspetti meno noti e inediti che ruotano attorno all’Ateneo, alla città e alle pieghe mai secondarie di una vita brulicante, attiva e spesso geniale che caratterizza un’accademia con un grande passato e quanto mai adesso proiettata in un futuro complesso e internazionale a scrivere la Storia con la penna della scienza. Continua a leggere “Padova, una “guida” per la caccia alla scienza”

Cosa significa essere europei? Dibattito con Corrado Poli autore di Europa 2024

Oggi 6 maggio ore 18 a Padova, Centro Culturale San Gaetano incontro-dibattito sul significato dell’Europa. Parteciperanno tra gli altri lo scrittore Corrado Poli, autore di un saggio di recente pubblicazione su “Europa 2024. Geopolitica delle autonomie regionali per il Federalismo europeo”. Continua a leggere “Cosa significa essere europei? Dibattito con Corrado Poli autore di Europa 2024”

Terza edizione de “Il Veneto legge”. Assessore Corazzari: “La celebrazione dell’insostituibile compagno di viaggio chiamato libro”

“Leggere, leggere, leggere: un invito che rivolgo tre volte, tante quante il numero delle edizioni di questa straordinaria iniziativa che si svolge in molti luoghi del nostro vivere, da quelli più attesi, come le biblioteche, le scuole, le librerie, a quelli meno prevedibili come le piazze, gli ospedali, le case di riposo, gli esercizi commerciali. Continua a leggere “Terza edizione de “Il Veneto legge”. Assessore Corazzari: “La celebrazione dell’insostituibile compagno di viaggio chiamato libro””

Stati e religioni, la storia in un saggio di Raffaele Carcano

di Gigi Fincato*

“Se fosse un giallo, il valore di questo libro sarebbe irrisorio. Il crimine è dichiarato fin dal titolo. I due grandi sospettati sono indicati nel sottotitolo. Per trovare il colpevole sarà dunque necessario scavare innanzitutto nel loro passato. Anche perchè della vita della vittima si conosce pochissimo”. E’ l’incipit di “Storia dell’antilaicità – cinque millenni di rapporti tra stati e religioni”, libro che affronta una questione tornata di recente e prepotentemente alla ribalta, quella dei rapporti fra religione e politica.

Continua a leggere “Stati e religioni, la storia in un saggio di Raffaele Carcano”

Quell’estate di Pietro nella povertà di Arigliana

di Daniela Baldo*

Pietro ha dodici anni e dalla periferia di Milano dove vive con la famiglia, come ogni estate torna nella casa dei nonni paterni ad Arigliana, piccolo paese della Lucania, per trascorrere le vacanze. Un’estate, quella dei suoi dodici anni, che si dimostrerà ben presto molto diversa da tutte le altre, l’estate destinata a cambiare per sempre la sua vita.

Ad Arigliana, dove la vita sembra essersi fermata come in un presepe vivente, tutti gli abitanti vivono in condizioni di povertà e arretratezza a causa di un fatto ormai lontano che solo i più anziani hanno vissuto e di cui è severamente vietato parlare. Ma qualcosa trapela quando il nonno di Pietro, non appena sente pronunciare il nome di Zi Rocco, ricco possidente del luogo, perde letteralmente la ragione tanto grande è il risentimento nei confronti di colui che tutti ritengono il principale responsabile della miseria in cui versa il paese.

Nell’estate in cui la vita di Pietro e della sorella è stata segnata dalla perdita della mamma, un fatto sconvolgerà la vita del ragazzo e degli abitanti di Arigliana. Nell’antica torre normanna, luogo inaccessibile e misterioso di cui si narrano favole e misteri, un giorno Pietro scoprirà un’intera famiglia di stranieri venuti da non si sa dove e che vive lì da tempo. La scoperta clamorosa travolgerà in un attimo la tranquilla quotidianità e le dinamiche relazionali tra le persone saranno stravolte da una nuova, inaspettata situazione. Gli abitanti del paese, che agli occhi di Pietro sembrano già così diversi, si troveranno a confrontarsi con qualcuno di più diverso di loro. Dopo l’iniziale diffidenza e l’ottuso rifiuto di molti di aiutare gli stranieri, la paura lascerà pian piano spazio alla fiducia e alla solidarietà. Nel piccolo paese ritornerà la speranza che le cose si possano cambiare anche lì, nel profondo Sud, dove tutto sembra da sempre destinato all’immobilità.

La scoperta di Pietro, il primo a trovare gli stranieri, ma anche il primo a fare un passo in avanti verso di loro, metterà gli abitanti di Arigliana di fronte ad una scelta difficile: aiutarli o emarginarli lasciandoli esclusi dalla vita del paese? L’iniziativa di Pietro, che trova nel ragazzo più grande la possibilità di costruire un rapporto di fiducia e complicità, porterà Arigliana a metabolizzare la rabbia tenuta dentro per tanti anni e a cambiare il proprio atteggiamento.

Il nuovo romanzo di Catozzella, già vincitore del Premio Strega Giovani nel 2014, fa vivere al lettore la vicenda attraverso gli occhi, ancora per poco da bambino, di Pietro, utilizzando un tono piacevole e persino scanzonato, con molti momenti in cui la drammaticità della situazione si stempera nelle parole semplici e apparentemente leggere del protagonista. Ma sarà proprio lui, con la forza dei suoi dodici anni, a mettere il mondo degli adulti di fronte alla scelta se chiudersi agli stranieri o aprire le porte delle loro case e dei loro cuori da troppo tempo induriti e bloccati dalla paura che serpeggia nel paese. Un romanzo bello, poetico ma anche duro ed efficace che affronta temi con cui ci confrontiamo ogni giorno: la diffidenza, la paura e l’angoscia che chi arriva da lontano voglia necessariamente rubarci la nostra libertà e la nostra vita. Pietro, nell’estate dei suoi dodici anni, comincia a diventare grande e, scontrandosi con il mondo fossilizzato degli adulti, li porterà a cambiare atteggiamento. Con la leggerezza, l’ironia e la saggezza che solo chi è ancora bambino riesce ad avere.

Giuseppe Catozzella – E tu splendi – Feltrinelli – Euro  16


dani*Docente