L’Aids viaggia per via sessuale: 5.8 casi ogni 100mila abitanti. I nuovi farmaci consentono una buona qualità della vita

Classe sociale medio alta, buona cultura, in prevalenza maschio e quasi
sempre ignaro di aver mantenuto un comportamento a rischio. È questo l’identikit del nuovo seriopositivo. “Oggi l’HIV rappresenta nelle nostre zone una percentuale di 5.8 casi ogni 100 000 abitanti, con punte di 15.6 per 100 000 abitanti di età di 20-28 anni. Si tratta 3443 casi di cui 43% è rappresentato da soggetti che hanno contratto l’infezione per via eterosessuale e il 38 % da chi avuto comportamenti omosessuali”, ha sottolineato la dottoressa Anna Maria Cattelan, Direttore UOC Malattie Infettive, AOU Padova, nel corso dell’evento UPDATE HIV NELLA REGIONE DEL VENETO organizzato da Motore Sanità, con il patrocinio dell’ULSS 8 Berica della Regione del Veneto
e della Fondazione The Bridge e con il supporto non condizionato di ViiV Healthcare. Continua a leggere “L’Aids viaggia per via sessuale: 5.8 casi ogni 100mila abitanti. I nuovi farmaci consentono una buona qualità della vita”

Atrofia muscolare spinale: lo stato dell’arte e delle cure in Veneto. Convegno a Padova

“Atrofia muscolare spinale: stato dell’arte e nuovo obiettivi, il caso del Triveneto” è il tema del convegno organizzato da Motore Sanità venerdì 16 novembre a Padova, nella palazzina dei servizi dell’Azienda ospedaliera di via Giustiniani 2. L’atrofia muscolare spinale (SMA) è una malattia neuromuscolare genetica rara, che colpisce un neonato ogni 10 mila e che rappresenta attualmente la causa più comune di morte infantile.

A rappresentare la Giunta regionale del Veneto e a fare il punto sulla rete di interventi sociali attivata per affiancare le famiglie e sulla necessità di una integrazione sempre più stretta tra ricerca e innovazione, cura ospedaliere e assistenza territoriale, sarà l’assessore regionale al sociale Manuela Lanzarin (ore 9.30).

Al convegno intervengono, tra gli altri, Domenico Mantoan, direttore generale Sanità e Sociale del Veneto, Angelo Del Favero, direttore dell’istituto superiore di sanità, Maurizio Corbetta direttore della Clinica neurologica dell’Università di Padova, Caterina Agosto, referente centro di riferimento regionale Cure palliative e Terapia del dolore pediatriche, Paola Facchin, coordinamento regionale Malattie rare, e Roberta Rampazzo, della Direzione farmaceutico-protesica-dispositivi medici dell’area Sanità e Sociale della Regione Veneto.

Oncologia e cronicità, le nuove sfide

l tema dell’assistenza alla cronicità si lega inevitabilmente a quello dell’invecchiamento della popolazione, essendo il paziente di riferimento spesso una persona, per lo più anziana, affetta da più patologie croniche incidenti contemporaneamente (comorbidità o multimorbidità), le cui esigenze assistenziali sono determinate non solo da fattori legati alle condizioni cliniche, ma anche ad altri determinanti (status socio-familiare, ambientale, accessibilità alle cure, ecc.). Continua a leggere “Oncologia e cronicità, le nuove sfide”

Assistenza alla cronicità e invecchiamento

 Motore Sanità ha organizzato un convegno in cui si è evidenziato come il tema dell’assistenza alla cronicità si lega inevitabilmente a quello dell’invecchiamento della popolazione, essendo il paziente di riferimento spesso una persona, per lo più anziana, affetta da più patologie croniche incidenti contemporaneamente (comorbidità o multimorbidità), le cui esigenze assistenziali sono determinate non solo da fattori legati alle condizioni cliniche, ma anche ad altri determinanti (status socio-familiare, ambientale, accessibilità alle cure, ecc.). Continua a leggere “Assistenza alla cronicità e invecchiamento”

Dalla Summer School di Gallio il “manifesto” per governare la Sanità

 Un summit così importante con il top della sanità italiana non si vedeva dagli anni ’80, quando con la 833/78 nasceva il Servizio sanitario nazionale: e già questo è indicativo dell’importanza di questo momento storico per l’Ssn.

Continua a leggere “Dalla Summer School di Gallio il “manifesto” per governare la Sanità”

La sanità “in rete” per mettere il malato al centro

Alla rete oncologica veneta si è recentemente aggiunta la rete ematologica regionale, concludendo il quadro organizzativo della diagnosi e trattamento dei tumori in regione Veneto. I pilastri attuativi delle due reti sono il modello Hub&Spoke, una peculiare metodologia di analisi e scelta dell’innovazione che privilegia la vera innovazione, un’organizzazione della ricerca che evita la polverizzazione dei finanziamenti e un rapporto continuo e privilegiato con le associazioni dei pazienti chiamate ad una partecipazione attiva delle scelte.

Continua a leggere “La sanità “in rete” per mettere il malato al centro”

Sanità, rapporto Pubblico-Privato nel Sistema sanitario nazionale

La sostenibilità del SSN è una delle sfide future più difficili e più
complicate. Il sottofinanziamento del sistema e il progressivo
aumento del costo dell’innovazione farmacologica e tecnologica
comporta una trasformazione del nostro sistema sanitario ove
il ruolo del privato e il rapporto del medesimo con
il sistema pubblico diventa l’asse portante di questo processo
di trasformazione. E’ il tema dell’incontro che si svolgerà giovedi 12 in Sala Rossini del Caffè Pedrocchi. Continua a leggere “Sanità, rapporto Pubblico-Privato nel Sistema sanitario nazionale”

Disabilità neuropsichica presenile: l’assistenza mirata ad una fascia fragile della popolazione

Esiste una fascia “fragile” di popolazione, che va dai 45 ai 65 anni, che necessita di un’assistenza sanitaria specifica: sono i pazienti psichiatrici affetti da malattia che tende alla cronicizzazione, sono i pazienti neurologici, vascolari e traumatizzati e i pazienti con disabilità legata a ritardi intellettivi di vario genere. Continua a leggere “Disabilità neuropsichica presenile: l’assistenza mirata ad una fascia fragile della popolazione”

La gestione integrata della disabilità neuropsichica presenile. La sfida della cronicità precoce”

Motore Sanità organizza il Convegno nazionale dal titolo “La gestione integrata della disabilità neuropsichica presenile” nella suggestiva Scuola Grande San Giovanni Evangelista, il 23 febbraio, dalle 9 alle 13. Il Convento nasce dal crescente rilievo che ha assunto nella programmazione socio-sanitaria la presa in carico delle disabilità per la complessità e l’eterogeneità dei quadri e per la multidisciplinarietà che deve essere prevista per il loro trattamento ed assistenza. Continua a leggere “La gestione integrata della disabilità neuropsichica presenile. La sfida della cronicità precoce””

Lotta all’epatite C, vincente il gioco di squadra: in Veneto 8mila pazienti

Un’alleanza tra medici, industria farmaceutica e chi amministra per arrivare all’eliminazione dell’Epatite C, patologia che solo in Veneto conta circa 8.000
pazienti. “HCV Ø? Dall’eradicazione del virus alla presa in carico del paziente”, era il
titolo di un convegno organizzato da Motore Sanità, che si è tenuto a Padova. Presenti, tra gli altri, il presidente di AIFA, Stefano Vella, il direttore generale della Sanità e Sociale del Veneto Domenico Mantoan, Alfredo Alberti, Professore di Gastroenterologia Dipartimento di Medicina Molecolare, Università di Padova, Epatologo AOU Padova, e Giovanna Scroccaro, Responsabile Centro Regionale Unico sul Farmaco – CRUF, Regione del Veneto. Continua a leggere “Lotta all’epatite C, vincente il gioco di squadra: in Veneto 8mila pazienti”