Pfas, la Regione si insinua nel fallimento Miteni e chiede 4,8 milioni

La Regione Veneto, con un atto depositato presso la Sezione Fallimentare del Tribunale di Vicenza, ha chiesto di essere ammessa al passivo del fallimento della Miteni Spa per un totale di 4 milioni 828 mila 570 euro per una serie di spese sostenute a seguito dell’inquinamento da Pfas.

Continua a leggere “Pfas, la Regione si insinua nel fallimento Miteni e chiede 4,8 milioni”

Iov, l’oncologia spiegata con le vignette

L’oncologia e la ricerca sul cancro sono ancora per la maggior parte dei cittadini un universo sconosciuto: cosa sono le cellule tumorali? Come fanno a svilupparsi? Come si fa a studiarle per cercare di combatterle e vincerle? Per rendere comprensibile a tutti come si sviluppano le neoplasie e come è possibile affrontarle, l’Istituto Oncologico Veneto-IRCCS ha sviluppato un progetto di divulgazione scientifica nuovo e originale – L’ONCOLOGIA SPIEGATA – LA RICERCA A VIGNETTE – in “sei capitoli”, basato su vignette e illustrazioni, che rappresentano oggi canali di comunicazione efficaci ed immediatamente comprensibili. Continua a leggere “Iov, l’oncologia spiegata con le vignette”

Alluce valgo e piede piatto: la prevenzione c’è, valutando il piede fin da piccoli e limitando l’utilizzo delle scarpe coi tacchi

C’è sicuramente una predisposizione dietro a chi si soffre di alluce valgo, ma va comunque ricordato che la prevenzione fa la sua parte nella salute del piede. “Si tratta di una patologia – ha spiegato il Primario di Ortopedia dell’Ospedale di Chioggia, il Dottor Gian Paolo Ferrari – che colpisce soprattutto le donne, in un rapporto di 5 a 1 rispetto agli uomini. Una patologiacaratterizzata da disturbi dolorosi oltre che estetici, e che se diagnosticata anzitempo, può trovare nel trattamento chirurgico buoni risultati”. Continua a leggere “Alluce valgo e piede piatto: la prevenzione c’è, valutando il piede fin da piccoli e limitando l’utilizzo delle scarpe coi tacchi”

Acqua, ma sai cosa bevi? Del sindaco o in bottiglia ecco come e quanta berne

di Stefano Chiaramonte*

“Chiare, fresche, dolci acque/ ove le belle membra pose/ colei che sola a me par donna…” cantava il Petrarca. Probabilmente Donna Laura era bellissima e sanissima (o forse questa era l’impressione che ne aveva il Poeta) e le bastava immergersi nell’acqua delle fonti di Valchiusa per esaltare la sua bellezza. Continua a leggere “Acqua, ma sai cosa bevi? Del sindaco o in bottiglia ecco come e quanta berne”

Nella Ulss 3 vengono certificate le prime tre “Palestre della Salute” sul territorio

Nel territorio della Ulss 3 sono state accreditate dalla Regione Veneto tre “Palestre della Salute”. Il progetto è regionale e punta ad individuare palestre private che, per impiantistica strutturale, dotazione strumentale e per la presenza di personale altamente specializzato, possano essere certificate come palestre in cui un soggetto con patologie croniche non trasmissibili (come malattie cardiovascolari, diabete, obesità, osteoporosi e alcune patologie tumorali, segnatamente colon e mammella) possa eseguire dell’esercizio fisico a scopo preventivo-terapeutico e riabilitativo  in tutta sicurezza e a vantaggio della propria salute. Continua a leggere “Nella Ulss 3 vengono certificate le prime tre “Palestre della Salute” sul territorio”

“Vivere è il solo sballo possibile”, il messaggio di Giorgia

“Avevo solo sei ore di vita, ma oggi sono qui a raccontarvi la mia storia, fatta di sofferenze, ma anche di grandi insegnamenti e, soprattutto di tanta gratitudine verso chi mi ha donato la vita per la seconda volta”. Con queste parole, Giorgia Benusiglio ha portato ieri sera la propria forte testimonianza al Palasport di Vicenza, in occasione della serata organizzata da Fidas Vicenza, in collaborazione con Admo ed Aido locali. Continua a leggere ““Vivere è il solo sballo possibile”, il messaggio di Giorgia”

Post feste, chili di troppo e non solo. Conoscere e vincere la dislipidemia

di Stefano Chiaramonte*

Anche quest’anno le Vacanze di Natale sono terminate. C’è chi conserva ancora un piacevole ricordo dei momenti sereni, chi le ha presto dimenticate, preso dal lavoro e dagli impegni quotidiani e chi invece ha avuto un impatto meno piacevole con il ritorno alla normalità. Non stiamo parlando del Blue Monday, il terzo lunedì del mese di gennaio ritenuto il giorno più triste dell’anno.

Continua a leggere “Post feste, chili di troppo e non solo. Conoscere e vincere la dislipidemia”

Mangiare sano: ecco come ben bilanciare gli alimenti

di Stefano Chiaramonte*

Viviamo per mangiare o mangiamo per vivere? Numerosi studi epidemiologici hanno consentito di comprendere il ruolo che l’alimentazione gioca nella patogenesi di numerose malattie e di tracciare una serie di raccomandazioni. La prima è quella di mantenere un bilancio calorico in equilibrio nel tempo per mantenere un peso stabile. L’eccesso alimentare che determina sovrappeso e obesità è il fattore più importante correlato con numerose patologie, morte prematura, diabete, ipertensione. Continua a leggere “Mangiare sano: ecco come ben bilanciare gli alimenti”

Cuore protetto? Occhio al colesterolo

di Stefano Chiaramonte*

Il termine dislipidemia indica genericamente un’alterazione della concentrazione dei lipidi nel sangue che può interessare una sola o più frazioni contemporaneamente: aumento del colesterolo totale, del Colesterolo-LDL, dei Trigliceridi, delle Lipoproteine, delle Apolipoproteine o diminuzione del Colesterolo-HDL. Continua a leggere “Cuore protetto? Occhio al colesterolo”

Rabdomiosarcoma, quel 13% che lo rende più curabile

di Elena Trentin

Tumore raro pediatrico. Tolgono il fiato, queste parole, a leggerle l’una accanto all’altra. Combattere una malattia – si sa – è un’esperienza molto forte: richiede attesa, terapie più o meno invasive, controlli periodici; innesca domande (Perché è capitato proprio a me?) e può avere profonde ripercussioni sulla sfera psicologica, affettiva e sociale, arrivando a colpire tutta la famiglia. Quando si tratta di una malattia rara e pediatrica, le paure diventano macigni, poiché significa far fronte a scarsità di conoscenze scientifiche, diagnosi incerte, carenza di terapie adeguate, migrazione sanitaria, costi esorbitanti. Continua a leggere “Rabdomiosarcoma, quel 13% che lo rende più curabile”