Veneto agricoltura, in arrivo 63 nuovi operai forestali

Si conclude nella giornata di domani, mercoledì 21 agosto, a Legnaro (Pd) presso la sede di Veneto Agricoltura la maratona di colloqui, durata tre giorni, per la selezione di 63 nuovi operai forestali a tempo determinato da inserire nei cantieri di sistemazione idraulico-forestale affidati all’Agenzia regionale. Complessivamente, i candidati ammessi alla selezione sono stati ben 230. Continua a leggere “Veneto agricoltura, in arrivo 63 nuovi operai forestali”

Servizi forestali regionali a “La Rossa” per fortificare le scogliere a protezione

Tra i vari cantieri di prossimo avvio da parte dei Servizi Forestali Regionali c’è anche quello sul rio La Palletta in località “La Rossa” a Belluno, dove i tecnici regionali in giornata hanno compiuto gli ultimi rilievi. Continua a leggere “Servizi forestali regionali a “La Rossa” per fortificare le scogliere a protezione”

La scrittura delle donne in Veneto

di Saveria Chemotti*

Dobbiamo prendere atto che la produzione letteraria delle donne nel Veneto è stata considerata da sempre minoritaria, perfino ideologicamente più ritrosa e questo ha contribuito a escludere, a priori,  che il Veneto sia patria di scrittrici, anche se non sono mancate e non mancano certo le donne che hanno scritto o che scrivono, perché esiste a partire dal Rinascimento fino ai nostri giorni, una ricchissima fioritura di voci, un corpus di scritture di donna, che attraversa affascinanti itinerari di vita, intessendo il filo sottile della pacata testimonianza dei tempi e della storia, manifestando una sempre più profonda coscienza di sé e del proprio ruolo. Continua a leggere “La scrittura delle donne in Veneto”

Pfas, interventi su pozzi privati. Guarda, Bartelle, Ruzzante (Veneto2020): “Regione elude risposte concrete”.

“Dalla Giunta regionale continuano ad arrivare risposte evasive rispetto all’esigenza di tutelare le famiglie che non sono allacciate all’acquedotto nelle aree contaminate dai Pfas”.
A dirlo la consigliera regionale Cristina Guarda (Civica per il Veneto) assieme ai Consiglieri Ruzzante (Leu) e Bartelle (Iic) del coordinamento Veneto 2020, dopo le precisazioni di Palazzo Balbi in risposta alle dichiarazioni dell’esponente vicentina che punta l’indice sulla pericolosità dei pozzi privati e sulla mancanza di interventi risolutivi.
“E’ vero che ci sono i gestori che hanno provveduto ad allacciare alcune nuove utenze e ciò lo abbiamo fatto emergere, ma molte restano quelle impossibili da raggiungere per motivi logistici. A queste situazioni la Regione deve trovare rimedio: non lavandosene le mani dietro le insufficienti ordinanze dei sindaci, oppure chiudendo i pozzi, lasciando le persone senz’acqua e costringendole ad usarla in bottiglia”.
Guarda sostiene che “l’assessorato alla Sanità, proprio perché il suo stesso ufficio per la prevenzione evidenzia la pericolosità dei Pfas, dovrebbe smetterla con l’autodifesa per interventi che si sono dimostrati inutili, e cominciare ad accogliere proposte concrete che da consigliera, in stretto confronto con i cittadini interessati, pongo sul tavolo da anni. Parliamo di cittadini – prosegue – che non beneficiano di alcuna diminuzione del tasso di esposizione, neppure attraverso i filtri temporanei,
di persone che continuano ad usare i pozzi perché nessuno dice loro che i limiti cautelativi di oggi sono ben più bassi di quelli di un tempo, di chi he non sa che a livello internazionale si stanno rivedendo al ribasso le concentrazioni di Pfas di sicurezza che ci possono tutelare dai rischi sanitari, e di chi usa l’acqua di pozzo per i bambini, le giovani donne e le mamme in gravidanza, non essendo consapevole di quanto i Pfas possano fare male a questi soggetti sensibili”.
“La Regione, ad esempio, invece di diminuire il costo della concessione alle aziende che imbottigliano l’acqua di fonti perlopiù vicentine, potrebbe usare queste entrate per sostenere le famiglie che vivono il disagio, come accade in Germania- spiega la consigliera – nelle aree costantemente sottoposte ad un inquinamento simile ma meno impattante rispetto ai Pfas, e dove bimbi e donne in gravidanza sono
stati assistiti in modo particolare”.
“Ci auguriamo che la stessa velocità nel rispondere ai comunicati, da oggi venga usata per dare risposta agli atti e le proposte che da mesi se non da anni rimangono senza risposta o attuazione.” E i consiglieri concludono con un accenno quindi gli agricoltori “che operano utilizzando molti pozzi privati e non solo reti irrigue. Dobbiamo essere consapevoli quindi di quali alimenti incidano di più sulla dieta, quali metodi di irrigazione siano migliori, quali i prodotti più sensibili e quali aziende vanno
aiutate maggiormente: ne va della vitalità del settore – conclude Guarda – e della sicurezza dei cittadini, non solo quelli dell’area rossa. Se no a nulla servono i fondi del PSR.”


 

Protezione Civile. Veneto approva convenzione con Ana

“Con questa convenzione abbiamo inteso consolidare rapporti già esistenti da tempo con l’obiettivo di rendere sempre più forte il sistema di Protezione Civile”. Lo afferma l’assessore regionale Gianpaolo Bottacin nell’annunciare che, su sua proposta, la Giunta regionale ha approvato una delibera nella quale viene resa strutturale la collaborazione con l’Associazione Nazionale Alpini (ANA) – Terzo Raggruppamento per lo svolgimento di una serie di attività nell’ambito del sistema di Protezione Civile regionale per il prossimo quinquennio. Continua a leggere “Protezione Civile. Veneto approva convenzione con Ana”

Birra a Km 0. Coldiretti: “Bene accordo tra Unipd e Regione”

 “Un provvedimento che sostiene la ricerca  per valorizzare  la produzione di luppolo a kmzero e’ un importante segno di attenzione della Giunta del Veneto che da attuazione alla legge regionale n. 7 del 2018 che promuove e valorizza i prodotti delle attività della birra artigianale” e’ quanto sostiene Coldiretti in merito al patto tra Universita’ di Padova e la Regione per la ricerca e lo studio di varieta’ autoctone per rilanciare la filiera.

Continua a leggere “Birra a Km 0. Coldiretti: “Bene accordo tra Unipd e Regione””

Trasporti eccezionali: finanziato progetto transfrontaliero con 800 mila euro

Un nuovo importante riconoscimento nell’ambito dei finanziamenti europei è stato attribuito alla Regione del Veneto, la cui progettualità e capacità programmatoria è stata premiata, attraverso il Programma di Cooperazione Transfrontaliera Interreg V – Italia-Austria 2014-2020, con l’assegnazione di 800 mila euro destinati alla realizzazione di SWEET (Single Windows for ExcEptional Transport), progetto presentato insieme alla Regione Friuli Venezia Giulia,  alla società Veneto Strade e all’Università di Klagenfurt, di cui il Veneto è leader partner. Continua a leggere “Trasporti eccezionali: finanziato progetto transfrontaliero con 800 mila euro”

Mancano i medici, la ricetta del Veneto: assumere 500 giovani laureati. Zaia: “Non ci arrendiamo”

La Regione Veneto ha deciso di giocare una carta “pesante” nella difficile partita del reperimento dei medici necessari al miglior funzionamento dei suoi ospedali, a fronte di una carenza ormai tanto storica, quanto preoccupante. Continua a leggere “Mancano i medici, la ricetta del Veneto: assumere 500 giovani laureati. Zaia: “Non ci arrendiamo””

Vendemmia 2019 in Veneto: cantine pronte, uva sana, ora occhio al meteo

La vendemmia 2019 nel Veneto è alle porte e nelle cantine è tutto pronto per accogliere i primi carri carichi d’uva, in particolare nelle aree di produzione di uve Pinot e Chardonnay da destinare alle basi spumante, dove la raccolta inizierà nei giorni 22/23 agosto. Continua a leggere “Vendemmia 2019 in Veneto: cantine pronte, uva sana, ora occhio al meteo”

Scuola, in Veneto buoni-libro fino a 200 euro per studenti a basso reddito

Studenti e famiglie meno abbienti potranno beneficiare fino a 200 euro di buono-libri per l’acquisto di libri di testo e contenuti didattici alternativi, comprese le dotazioni tecnologiche. Lo prevede la Giunta regionale del Veneto che, anche per L’anno scolastico (2019-2020), su proposta dell’assessore alla scuola Elena Donazzan, ha avviato il bando per erogare il contributo destinato agli studenti della scuola dell’obbligo, nonché delle scuole secondarie superiore e degli istituti di formazione professionale. Continua a leggere “Scuola, in Veneto buoni-libro fino a 200 euro per studenti a basso reddito”